Corea del Nord: soldato colpito mentre scappa verso il Sud

Pubblicato il 13 novembre 2017 alle 20:30 in Asia Corea del Nord

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Un soldato della Corea del Nord è stato raggiunto e ferito da un colpo di fucile mentre tentava di disertare e fuggire in Corea del Sud, nei pressi del villaggio di Panmunjom, dove vige la tregua, secondo quanto riportato dall’esercito della Corea del Sud.

Un soldato nordcoreano ha tentato di attraversare la linea di confine dell’Area di Sicurezza Comune (Joint Security Area) presso il villaggio di Panmunjom, nel tentativo di disertare le armi e rifugiarsi in Corea del Sud, ma è stato colpito dall’artiglieria del suo stesso paese. L’area nei pressi di Panmunjom è l’unico punto del confine tra le due Coree – noto anche come Zona di Demilitarizzazione – dove le forze armate dei due Paesi si incontrano faccia a faccia, secondo quanto ha riferito il Capo dell’Esercito di Seoul.

Il soldato è riuscito, nonostante la ferita, a raggiungere la Freedom House, un edificio sul lato sud del confine dove è stato accolto dall’esercito della Corea del Sud. L’uomo è stato portato in ospedale per ricevere le cure del caso, anche se i dettagli sulle sue condizioni di salute non stati ancora diffusi.

Le defezioni lungo la Zona Demilitarizzata non sono inusuali, ma difficilmente avvengono proprio a Panmunjom, villaggio spezzato in due dal confine e considerato un’attrazione turistica.

Nel corso del tempo, dopo la Guerra di Corea conclusasi nel 1953, decine di soldati della Corea del Nord hanno disertato e cercato rifugio in Corea del Sud, attraversando la Zona Demilitarizzata che si estende per due chilometri sui due lati della linea di confine. Negli ultimi mesi, l’aria nella Zona è diventata sempre più tesa a causa dell’escalation di tensione dovuta allo sviluppo del programma nucleare e missilistico di Pyongyang. Il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, durante la sua sosta in Corea del Sud nel suo primo viaggio di stato in Asia in corso di svolgimento dal 5 al 14 novembre 2017, aveva previsto una visita alla Zona Demilitarizzata, nonostante la reticenza della Corea del Sud e del corpo diplomatico americano stesso. La visita non è stata effettuata a causa di avverse condizioni meteo che non avrebbero permesso all’elicottero presidenziale di atterrare nell’area di confine. Secondo gli analisti, la presenza di Trump nella delicata Zona Demilitarizzata avrebbe condotto a un’ulteriore escalation delle tensioni con la Corea del Nord.

Sicurezza Internazionale è il primo quotidiano italiano di politica internazionale.

Consultazione delle fonti inglesi e redazione a cura di Ilaria Tipà

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.