Puigdemont arrestato a Bruxelles

Pubblicato il 6 novembre 2017 alle 8:32 in Europa Spagna

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

L’ex presidente della Catalogna Carles Puigdemont e quattro membri del suo esecutivo, deposti a seguito dell’approvazione delle misure previste dall’art.155 della Costituzione spagnola, sono stati arrestati a Bruxelles il 5 ottobre scorso.  Lo ha reso noto un portavoce della Procura federale belga.

“Tutti e cinque i latitanti questa mattina si sono presentati al commissariato di polizia. Hanno perso la libertà” — ha dichiarato l’alto funzionario alla stampa.

Puigdemont e gli altri rappresentanti del deposto governo catalano si sono presentati volontariamente insieme ai loro avvocato, a seguito del mandato di cattura europeo emesso dalla magistratura spagnola.

Secondo il rappresentante della giustizia belga, Puigdemont sarebbe stato trattenuto in stato di fermo “per un massimo di 24 ore”. In realtà l’ex leader catalano è stato rilasciato con la condizionale nel corso della mattinata di oggi, assieme agli altri quattro imputati.

Entro quindici giorni la magistratura belga deciderà sulla richiesta di estradizione delle autorità spagnole.

I giudici spagnoli avevano emesso il 3 novembre il mandato d’arresto europeo per Puigdemont ed altri ex membri dell’amministrazione catalana che si trovavano a Bruxelles. Sono accusati di sovversione, insurrezione, appropriazione indebita di fondi pubblici, abuso di potere e disobbedienza alle autorità.

L’ex premier belga, il socialista Elio Di Rupo, ha accuato Rajoy di essere un “franchista impenitente”, aumentando maggiormente la tensione diplomatica in corso tra Madrid e Bruxelles.

Sicurezza internazionale quotidiano sulla politica internazionale

Traduzione dallo spagnolo e redazione a cura di Italo Cosentino

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.