Libano: Premier si dimette temendo attentato alla sua vita

Pubblicato il 4 novembre 2017 alle 15:11 in Libano Medio Oriente

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Il premier libanese annuncia le dimissioni temendo una congiura contro la sua persona e criticando aspramente l’Iran e Hezbollah.

Il primo ministro libanese Saad al-Hariri ha presentato le dimissioni sabato 4 novembre, affermando in diretta televisiva di sospettare che ci sia in atto una congiura per ucciderlo. Egli ha altresì criticato l’Iran e l’alleanza del partito libanese Hezbollah con lo Stato iraniano.

“Viviamo in un clima simile all’atmosfera che ha prevalso prima dell’omicidio del martire Rafik al-Hariri”, ha affermato il premier riferendosi all’uccisione di suo padre, l’ex primo ministro del Paese. “Temo che una congiura segreta sia in corso per attentare alla mia vita”, ha spiegato.

Nella sua inaspettata dichiarazione, Hariri ha inoltre affermato che l’Iran stava “perdendo terreno relativamente alla sua ingerenza negli affari del mondo arabo”, aggiungendo che il Libano avrebbe “risposto come ha già fatto in passato” per “amputare le mani che malvagiamente si protendono verso il Paese”. “Il male che l’Iran dissemina nella regione gli si ritorcerà contro”, ha poi concluso, accusando Tehran di diffondere caos, conflitti e distruzione in tutto il territorio.

Il 47enne Hariri è diventato primo ministro del Libano il 18 dicembre 2016 in seguito a un accordo politico che, tra le altre cose, ha reso Michel Aoun, alleato di Hezbollah, presidente del Paese.

Hezbollah è il partito politicamente predominante in Libano, ma gli evidenti legami dell’organizzazione con l’Iran e il suo appoggio al presidente siriano Bashar al-Assad hanno generato i dissapori di una parte della popolazione libanese.

Nel corso della settimana appena conclusa il premier Hariri ha visitato l’Arabia Saudita, avversario politico dell’Iran e di Hezbollah, due volte, incontrando il Principe Mohammed bin Salman e altri ufficiali d’alto rango.

Il discorso delle dimissioni del premier è andato in onda sul canale televisivo al-Jadeed, con base a Beirut, ed è stato trasmesso dalla capitale saudita Riad proprio durante la visita del premier in Arabia Saudita.

Saad Hariri aveva già ricoperto l’incarico di primo ministro dal giugno 2009 al gennaio 2011; dalla morte del padre, avvenuta nel 2005, è capo della coalizione politica Movimento il Futuro, movimento sunnita creato dal padre.

 

Sicurezza internazionale quotidiano sulla politica internazionale.

Traduzione dall’inglese e redazione a cura di Claudia Castellani

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.