Afghanistan: attentato suicida nel quartiere diplomatico di Kabul

Pubblicato il 1 novembre 2017 alle 8:32 in Afghanistan Asia

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Un attentatore suicida si è fatto esplodere presso il quartiere diplomatico di Kabul, uccidendo almeno 3 persone e ferendone altre 14.

L’attacco, avvenuto martedì 31 ottobre, si è verificato nella 14esima strada dell’area Wazir Akbar Khan, nei pressi del Ministero della Difesa afghano. Il portavoce del Ministero della Salute, Islaim Kawoosi, ha reso noto che i feriti sono stati trasportati in ospedale.

Al momento, nessun gruppo terroristico ha rivendicato l’azione e non è nemmeno chiaro quale fosse l’obiettivo. Al-Jazeera in lingua inglese riferisce che, probabilmente, l’attentato avrebbe dovuto colpire l’ambasciata australiana, che si trova nella stessa zona.

Nel corso delle settimane passate, l’Afghanistan è stato teatro di una serie di attentati, di cui 5 contro le forze di sicurezza rivendicati dai talebani, e 2 contro due moschee sciite, probabilmente compiuti dai militanti dell’ISIS. Complessivamente sono morte più di 250 persone.

Il quartiere diplomatico di Kabul è stato colpito più volte nei mesi scorsi. Il 31 maggio, l’esplosione di un’autobomba ha ucciso più di 80 persone, mentre il 29 agosto 2017, un attentatore suicida si è fatto esplodere nei pressi di una banca, nelle vicinanze di un compound dell’ambasciata americana, causando la morte di almeno 4 persone, e il ferimento di molte altre.

Sicurezza Internazionale quotidiano sulla politica internazionale.

Sofia Cecinini

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.