Montenegro: i benefici di essere nella NATO

Pubblicato il 31 ottobre 2017 alle 11:43 in Balcani NATO

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Il ministro della Difesa montenegrino, Predrag Boskovic, ha rivelato che le Forze Aeree greche e italiane interverranno a difesa dello spazio aereo del Montenegro. Tale aiuto rientra nei benefici che il Paese ha ricevuto in seguito al suo ingresso nella NATO.

Nel 2015, a causa del ridotto numero delle forze aeree montenegrine, le aeronautiche di Grecia e Italia erano intervenute a sostegno dello spazio aereo del Montenegro. Lunedì 30 ottobre, il ministro della Difesa montenegrino Boskovic ha ricordato il supporto che Grecia e Italia, entrambi membri della NATO, hanno fornito al Montenegro. Il ministro ha anche dichiarato che, nell’immediato futuro, “saranno proprio Grecia e Italia a portare avanti la sorveglianza dello spazio aereo del Montenegro, come già stanno facendo da due anni. Ciò non comporterà ulteriori costi”. Tale politica, ha concluso il ministro della Difesa montenegrino, “rappresenta la migliore opzione in assoluto per la promozione dei nostri cieli”.

A tal proposito, ha aggiunto il ministro, il Montenegro è in procinto di firmare un accordo in materia di sorveglianza del suo spazio aereo con la Grecia, l’Italia e la NATO. Tale accordo rientra tra i benefici che il Montenegro ha ricevuto dalla sua adesione alla NATO, avvenuta il 5 giugno 2017.

La presenza di tali benefici è stata confermata anche dal primo ministro montenegrino, Duško Marković, in occasione del primo Consiglio per la NATO, tenutosi a Podgorica il 30 ottobre del 2017. In tale occasione, il premier Marković ha dichiarato che, entrando nella NATO, il Montenegro ha ottenuto benefici anche in materia di politica estera.

Nel dettaglio, il primo ministro ha riferito che l’adesione all’Alleanza ha migliorato la reputazione del Montenegro a livello internazionale. Ciò fa riferimento a due ambiti, quello economico e quello politico. In ambito economico, il premier ha dichiarato che il Montenegro viene ora percepito come una destinazione sicura per gli investimenti esteri. Mentre, in ambito politico, il primo ministro ha dichiarato che il Paese gode ora di maggiore considerazione internazionale. Ciò comporta però una ridefinizione della politica estera del Paese. Nello specifico, Marković ha evidenziato che, essendo ora un Paese membro della NATO, il Montenegro deve dimostrarsi in grado di ridefinire le proprie priorità interne e la propria strategia nell’Alleanza. In tale ambito il Montenegro potrebbe diventare il promotore dell’integrazione euro-atlantica nei Paesi dei Balcani occidentali.

Nel 2006, il Montenegro ha ottenuto l’indipendenza dalla Serbia. Ciò ha lasciato il Paese senza una forza di aviazione militare propria. Ad oggi, l’aeronautica del Montenegro è composta da 16 elicotteri.

Sicurezza Internazionale quotidiano sulla politica internazionale

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.