Afghanistan: sequestrati cavalli carichi di materiale esplosivo

Pubblicato il 31 ottobre 2017 alle 8:45 in Afghanistan Asia

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Le forze di sicurezza afghane hanno sequestrato due cavalli che stavano trasportando circa 100 kg materiale esplosivo, nel corso di un raid anti-terrorismo nel distretto di Durbnaba, nella provincia di Nangarhar.

Secondo quanto riportato da un comunicato dell’ufficio dei media regionale, al momento, nessun sospettato è stato arrestato in connessione allo spaccio di esplosivo, ma le forze di sicurezza stanno effettuando indagini approfondite. Nel corso di un’altra operazione, la polizia afghana ha sequestrato un carico telefoni cellulari che avrebbero dovuto essere vendute dai trafficanti a Jalalabad.

La provincia di Nangarhar è teatro di scontri sporadici tra i talebani e i miliziani della Khorasan province, affiliata all’ISIS e attiva in Afghanistan e Pakistan dall’aprile 2015. Le ultime tensioni si sono verificate nel corso dei giorni passati, durante i quali almeno 23 militanti sono stati uccisi e feriti nel corso delle offensive. Al momento, nessuna delle due parti ha rilasciato commenti al riguardo.

Secondo un’indagine condotta dalla United Nations Assistance Mission in Afghanistan (UNAMA), pubblicata il 21 agosto 2017, i talebani e l’ISIS hanno condotto operazioni congiunte nel corso dell’estate passata. In particolare, secondo quanto è emerso dalle analisi, nell’attacco del 5-6 agosto scorso nella provincia di Sar-e Pul, in cui sono morti più di 40 civili, i combattenti dei due gruppi armati hanno collaborato, commettendo una strage che è stata definita “un crimine di guerra”.

Tuttavia, i continui scontri sembrano smentire tale ipotesi.

Sicurezza Internazionale quotidiano sulla politica internazionale.

Sofia Cecinini

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.