NATO – Russia: terzo incontro del Consiglio a Bruxelles

Pubblicato il 27 ottobre 2017 alle 8:52 in NATO Russia

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

La Russia e la NATO si sono incontrate in occasione del terzo Consiglio del 2017.

Durante l’incontro, che si è tenuto giovedì 26 ottobre, sono stati affrontati tre temi principali. Il primo tema è stato il conflitto in Ucraina; il secondo la cooperazione in Afghanistan; il terzo l’aumento della trasparenza per ridurre il fattore di rischio. Su questi punti, Stoltenberg ha affermato: “Il dialogo tra noi non è semplice, ma questo è esattamente il motivo per cui il dialogo è così importante”. L’agenda è stata mantenuta invariata in tutti gli incontri fatti fino ad ora.

In merito al primo tema, il conflitto in Ucraina, Stoltenberg ha dichiarato che “gli Alleati e la Russia continuano a dover affrontare divergenze fondamentali, in particolare su come risolvere la crisi ucraina”. Il segretario generale della NATO ha poi spiegato: “Questo conflitto continua ad avere un impatto profondo sulla sicurezza e la stabilità della regione euro-atlantica, e rimane la ragione primaria dietro lo stato attuale delle relazioni tra NATO e Russia”. Migliorare il livello di sicurezza in Ucraina rappresenta una priorità dell’Alleanza, dal momento che, come ha dichiarato Stoltenberg, nel Paese “la situazione rimane fragile e continuano a verificarsi violazioni del cessate il fuoco. Armi pesanti sono ancora vicine all’area del conflitto”.

Il secondo tema in agenda è rappresentato dalla cooperazione in Afghanistan. In tale ambito, il segretario generale della NATO ha dichiarato: “Abbiamo avuto uno scambio franco sul livello di sicurezza in Afghanistan e abbiamo affrontato il tema della minaccia regionale del terrorismo. Le nostre analisi divergono in modo considerevole, ma tutti noi condividiamo lo stesso interesse nel garantire sicurezza e stabilità in Afghanistan. È importante che tutti supportino il governo di unità nazionale. Questo è il modo migliore per fornire il proprio aiuto nella lotta contro i terroristi in Afghanistan e ottenere maggiore sicurezza e stabilità nell’intera regione”.

Il terzo tema trattato durante l’incontro tra la Russia e la NATO è quello della trasparenza e della riduzione del rischio, che è stato descritto da Stoltenberg come “vitale per il Consiglio NATO-Russia”. In tale ambito, il segretario generale della NATO ha menzionato due iniziative. La prima iniziativa è stata la creazione di un gruppo di esperti sulla sicurezza dello spazio aereo del Mar Baltico. Tale progetto ha avuto origine a seguito della conferenza del 02 marzo 2017 a cui hanno partecipato gli Stati che affacciano sul Mar Baltico, l’organizzazione internazionale dell’aviazione civile, la NATO, l’Agenzia europea per la sicurezza aerea e l’Eurocontrol (organizzazione intergovernativa per il controllo dello spazio aereo europeo). La seconda iniziativa è stata rappresentata dal miglioramento dello scambio di informazioni tra i due attori sulle rispettive esercitazioni militari.

In tema di esercitazioni militari, la NATO ha voluto affrontare la disputa sull’addestramento in Bielorussia dello scorso settembre, Zapad 2017, che ha portato i soldati russi vicino ai confini della NATO. La presenza di truppe russe in Bielorussia ha richiamato l’attenzione delll’Alleanza, che teme i soldati di Putin vicino ai suoi confini. A tal proposito, Stoltenberg ha dichiarato: “Oggi abbiamo avuto uno scambio di informazioni sulle esercitazioni più recenti. Gli Alleati hanno affermato chiaramente che la scala e l’area geografica dell’addestramento Zapad 2017 sono andate ben oltre ciò che la Russia aveva annunciato. Al contempo, abbiamo concordato che è molto utile effettuare aggiornamenti reciproci, inclusi quelli sugli sviluppi. Spero che continueremo ad avere questi scambi nei prossimi incontri del Consiglio NATO-Russia”.

Stoltenberg ha poi confermato questo suo atteggiamento propositivo, affermando: “Dovremmo concentrarci sui punti di comune intesa al fine di ridurre i rischi di incomprensioni ed incidenti dovuti ad un aumento dell’attività militare nella regione”.

Da parte sua, il rappresentante russo ha dichiarato: “In Russia non abbiamo un atteggiamento pessimista né ottimista. Siamo semplicemente realisti. Per noi le relazioni con l’Afghanistan e la sicurezza della Russia non sono un tema accademico”.

Il Consiglio NATO – Russia è stato fondato a Pratica di Mare, in Italia, nel 2002. Inizialmente congelate a seguito del conflitto in Crimea, le relazioni diplomatiche nel Consiglio NATO-Russia erano riprese verso la fine del 2016.

Maggiori informazioni sulla riapertura del dialogo tra NATO e Russia nel Consiglio si possono trovare qui.

Sicurezza Internazionale quotidiano sulla politica internazionale.

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.