NATO: la Bosnia è un partner fondamentale

Pubblicato il 26 ottobre 2017 alle 23:09 in Europa NATO

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Martedì 24 ottobre, il segretario generale della NATO ha incontrato il presidente della Bosnia. Importanti risultati sono stati raggiunti, ma l’accesso alla NATO è ancora lontano.

Il segretario generale della NATO, Jens Stoltenberg, ha incontrato uno dei Presidenti del triumvirato bosniaco, Dragan Covic. In tale occasione, Stoltenberg ha dichiarato: “Ci siamo incontrati a Sarajevo lo scorso febbraio, e il fatto che ora ci stiamo nuovamente incontrando è un esempio della forte collaborazione tra Bosnia e NATO”. Il segretario generale ha poi aggiunto: “L’alleanza tra la NATO e la Bosnia Erzegovina è forte e molto importante. Insieme, abbiamo già raggiunto molti obiettivi. E spero di lavorare con voi per rafforzare ulteriormente la nostra cooperazione”.

Tale collaborazione ha avuto inizio quando la NATO è intervenuta nel territorio bosniaco per porre fine alla guerra del 1992. Il conflitto era scoppiato a seguito della dichiarazione d’indipendenza della Bosnia dalla Yugoslavia. Nel 2006 la Bosnia Erzegovina ha preso parte alla Partnership for Peace, lo strumento della NATO per collaborare militarmente con i Paesi che non sono membri dell’Alleanza. In tale ambito, nel 2009, la Bosnia Erzegovina ha partecipato alla missione NATO in Afghanistan, la ISAF.

Durante la conferenza stampa organizzata alla fine dell’incontro tra i due leader, Stoltenberg ha ricordato il valore strategico della collaborazione con la Bosnia in Afghanistan, dichiarando: “La nostra alleanza con la Bosnia ci consente anche di diffondere la sicurezza oltre i confini europei. Mi riferisco alla partecipazione dei soldati bosniaci alla missione NATO in Afghanistan. Riconosco l’impegno che la Bosnia ha assunto nella lotta al terrorismo”.

La volontà di rafforzare la collaborazione tra NATO e Bosnia si è poi consolidata con il passare degli anni. Come dichiarato da Stoltenberg, “la Bosnia-Erzegovina [è] un partner di grande valore per la NATO. Lo scorso mese è stata condotta un’esercitazione militare a Tuzla [organizzata dal Centro coordinativo euro-atlantico di reazione ai disastri e dal ministero della Sicurezza bosniaco], che ha rappresentato uno degli strumenti pratici per rafforzare la cooperazione tra Bosnia e NATO”.

L’obiettivo della Bosnia Erzegovina è, dal 2008, quello di entrare nella NATO. L’adesione, però è stata bloccata per via di due fattori. Il primo fattore riguarda la mancata registrazione delle proprietà immobiliari militari bosniache al catasto di Stato. A tal proposito, Stoltenberg in occasione dell’incontro con Covic, ha dichiarato: “Oggi io e il presidente bosniaco abbiamo discusso anche delle riforme interne del Paese e delle sue aspirazioni euro-atlantiche. Riconosco anche i progressi fatti nell’immatricolazione dei beni immobiliari militari. Il mio incoraggiamento è di accelerare il vostro impegno, al fine di registrare più proprietà.”

Il secondo fattore che ha ostacolato l’accesso della Bosnia alla NATO è stato la struttura delle sue Forze Armate, la cui organizzazione, al momento, non è conforme agli standard dell’Alleanza. In occasione dell’incontro del 24 ottobre, il segretario generale ha riconosciuto i progressi della Bosnia anche in tale ambito. “La Bosnia ha ristrutturato le proprie Forze Armate.  Il piano di revisione del sistema della Difesa, adottato lo scorso anno, è stato un importante passo in avanti. Ora ci si dovrebbe concentrare sulla sua implementazione, affinché il piano di revisione diventi realtà. Conto che la Bosnia Erzegovina raddoppi il suo impegno in tale area”.

Il leader della NATO ha poi invitato tutti i membri dell’organizzazione a sostenere la Bosnia nel suo percorso. Come affermato da Stoltenberg, “trovare un compromesso può essere difficile. È importante che tutti i leader politici lavorino insieme per il beneficio di tutti i popoli. E la NATO è qui per sostenervi”.

Sicurezza Internazionale quotidiano sulla politica internazionale.

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.