Slovacchia: Repubblica Ceca anti europeista? Noi non cambiamo posizione

Pubblicato il 24 ottobre 2017 alle 11:20 in Europa

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

14 anni dopo la dissoluzione della Cecoslovacchia, i rapporti tra Repubblica Ceca e Slovacchia subiscono oggi una nuova incrinatura. Il Primo Ministro della Slovacchia, Robert Fico, leader del partito social democratico slovacco, ha rassicurato i Paesi europei che la Slovacchia manterrà la sua politica europeista. Tale dichiarazione si colloca ad un giorno dall’elezione del partito anti-europeista ANO alla guida della Repubblica Ceca. Con questo risultato elettorale, la Repubblica Ceca è diventata l’ultimo Paese ex-Comunista dell’Europa centrale ad adottare forti misure di contrasto verso l’UE.

Il Premier slovacco ha affermato: “Non ho mai commentato le situazioni di politica interna di altri Paesi, ma sono onorato che la Slovacchia sia diventata un’isola europeista in questa regione”. Fico ha poi aggiunto cheaver presentato la strategia di politica estera della Slovacchia un giorno dopo il risultato delle elezioni in Repubblica Cecaè stato involontario, ma dal tempismo perfetto. Tale documento si rivela fortemente europeista, contrariamente alla politica del premier ceco.

Il premier Slovacco, in carica da 11 anni, ha più volte avuto momenti di contrasto con Bruxellesdurante il suo mandato. Nonostante ciò,Fico ritiene che l’avvicinamento della Slovacchia all’Europaè stato merito suo. Tale risultato deriverebbe dall’ingresso della Slovacchia nell’Eurozona nel 2009, a differenza dei vicini cechi, che hanno mantenuto la propria valuta, la corona ceca.

L’elezione del presidente francese, Emmanuel Macron, ha rilanciato i movimenti europeisti dell’Unione. Da quel momento, il Premier slovacco ha sposato la causa dell’integrazione europea ancora più fortemente. Fico ha affermato di voler spingere la Slovacchia fino al cuore dell’Europa, nonostante i Paesi vicini vogliano rimanerne ai margini.

Una tale volontà del premier si scontra però con un incremento di 5.4 milioni di cittadini nei gruppi di opposizione all’integrazione europea. Il Primo Ministro, tuttavia, intende ribadire che la Slovacchia subirebbe maggiori danni isolandosi da Bruxelles che dai Paesi confinanti.

Sicurezza Internazionale quotidiano sulla politica internazionale.

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.