Italia: gli ultimi dati del Ministero dell’Interno

Pubblicato il 24 ottobre 2017 alle 19:15 in Immigrazione Italia

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Secondo le stime del Ministero dell’Interno, dal primo gennaio al 22 ottobre 2017, 111,166 migranti sono giunti in Italia via mare. Tale cifra costituisce una diminuzione del 25% rispetto ai 149,175 arrivi del 2016.

L’Organizzazione Internazionale per le Migrazioni (IOM) riferisce che le autorità italiane, dall’inizio del 2017 a oggi, hanno registrato l’entrata nel Paese di più di 4,100 tunisini, segnando un netto aumento in confronto ai 1,207 migranti provenienti dalla Tunisia arrivati in Italia nel 2016. Myriam Chabbi, di IOM Tunisia ha riferito che la maggior parte dei migranti che lasciano il Paese nordafricano non sono di origini straniere, ma sono cittadini tunisini. Alla luce dei crescenti flussi dalla Tunisia all’Italia, le autorità di Tunisi hanno inserito l’elaborazione di una strategia sull’immigrazione all’interno del National Development Plan del 2016-2020. Il governo tunisino ha altresì individuato alcuni fattori chiave determinanti che spingono i propri cittadini a lasciare il Paese. Tra questi vi è la scarsa accessibilità all’educazione, alle cure mediche e al mercato del lavoro. “L’Europa è sempre stata considerata la terra promessa per le classi più vulnerabili della Tunisia, ogni madre sogna che la propria figlia sposi un europeo”, ha spiegato Myriam Chabbi, secondo cui questo fatto ha attirato sempre più trafficanti di esseri umani nel Paese.

Il portavoce dell’IOM Italia, Flavio di Giacomo, ha reso noto che, nonostante i crescenti flussi dalla Tunisia, le prime cinque nazionalità dei migranti che arrivano nel nostro Paese rimangono tuttavia quella nigeriana, guineana, bangladese, maliana e della Costa d’Avorio.  

Sicurezza Internazionale quotidiano sulla politica internazionale.

Sofia Cecinini

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.