Filippine: Confermata morte del terrorista Mahmud

Pubblicato il 19 ottobre 2017 alle 21:11 in Asia Filippine

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Il presidente delle Filippine, Rodrigo Duterte, ha confermato la morte del terrorista malese Mahmud Ahmad, martedì 19 ottobre.
Mahmud Ahmad era uno dei leader jihadisti più importanti del Sud-Est Asiatico ed è stato ucciso dall’esercito delle Filippine durante le ultime fasi della battaglia di Marawi, secondo quanto confermato dal presidente Duterte martedì 19 ottobre.
L’esercito delle Filippine è stato impegnato in una battaglia sanguinosa contro un gruppo di militanti estremisti islamici che hanno assediato la città di Marawi, nel sud del paese, il 23 maggio scorso. Dopo quasi 5 mesi di combattimenti, l’esercito è riuscito – con il supporto militare degli Stati Uniti e con le armi arrivate dalla Cina – ad avere la meglio uccidendo i leader del gruppo. A guidare l’assedio erano un militante originario di Marawi, Omar Maute, il quale con la sua famiglia ha avviato le operazioni di proselitismo nella zona e dato nome al gruppo stesso, noto come gruppo Maute. Insieme a lui c’era Isnilon Hapilon, uno dei capi dell’organizzazione terroristica più importante delle Filippine, Abu Sayyaf, fedele all’Isis e nota per numerosi rapimenti e saccheggi effettuati a largo delle coste delle isole filippine soprattutto a danni di navi straniere. I due sono stati uccisi dalle forze armate il 16 ottobre, determinando la fase finale dell’assedio.
L’esercito delle Filippine aveva reso noto che accanto ad Hapilon e Maute era probabile ci fosse anche il terrorista malese Mahmud, da tempo ricercato e presente sulla lista dei terroristi internazionali più pericolosi degli Stati Uniti. Il capo delle forze armate di Manila ha confermato la morte di Mahmud, martedì 19 ottobre, dopo il primo annuncio del presidente.
Mahmud aveva 39 anni ed era un ex insegnante universitario e sembra sia stato l’anello fondamentale che ha permesso al gruppo Maute di ottenere fondi a sufficienza per fare molti proseliti nelle Filippine.

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.