Turchia: esteso lo stato di emergenza

Pubblicato il 17 ottobre 2017 alle 20:02 in Medio Oriente Turchia

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

La Turchia ha annunciato l’estensione dello stato di emergenza nel Paese per un periodo di 3 mesi.

Lunedì 16 ottobre 2017, il portavoce del governo, Bekir Bozdag, ha annunciato la decisione di Ankara in merito all’estensione dello stato di emergenza, per la quinta volta dalla sua proclamazione.

In un comunicato, il Consiglio di Sicurezza nazionale turco ha dichiarato: “È stato valutato lo stato di emergenza, imposto nel Paese nel quadro della lotta contro tutte le organizzazioni terroristiche, in particolare FETO/PDY, PKK/PYD-YPG e ISIS, e si è deciso che la sua estensione era consigliata al fine di mantenere la continuità delle misure per proteggere il principio dello stato di diritto e i diritti e le libertà dei nostri cittadini”.

Il governo turco aveva imposto lo stato di emergenza il 21 luglio 2016, a meno di una settimana di distanza dal colpo di stato contro il presidente turco, Recep Tayyip Erdogan, avvenuto il 15 luglio dello stesso anno.

Secondo la costituzione turca, lo stato di emergenza può essere dichiarato per un periodo massimo di sei mesi. Durante lo stato di emergenza, il governo ha il diritto di emanare i decreti legge, senza seguire le classiche procedure. In questo caso, i decreti legge vengono pubblicati sulla Gazzetta Ufficiale e, successivamente, sottoposti al Parlamento per essere ratificati.

Sicurezza Internazionale quotidiano sulla politica internazionale.

Traduzione dall’inglese e redazione a cura di Laura Cianciarelli

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.