Ministro degli Esteri russo: perché gli USA non colpiranno la Corea del Nord

Pubblicato il 26 settembre 2017 alle 14:01 in Russia

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Il ministro degli Esteri della Federazione Russa, Sergej Lavrov, ha affermato che gli USA non colpiranno la Corea del Nord proprio a causa delle armi nucleari di Pyongyang.

Lo ha dichiarato in diretta al programma “I Risultati della Settimana”, trasmesso dal canale NTV. Stando alle dichiarazioni del ministro degli Esteri, “In Iraq gli USA hanno colpito solo perché erano convinti del fatto che non avessero armi di distruzione di massa”.

Lavrov ritiene dunque che “in Corea del Nord gli americani ci penseranno due volte prima di sferrare il primo colpo, perché non hanno dubbi, sanno esattamente che la bomba nucleare c’è ed è reale. Credo che su questa analisi possiamo essere tutti d’accordo”.

“Se questa analisi non verrà valutata negli Stati Uniti, e spero per loro che si siano rivolti a degli analisti, a pagarne le conseguenze, oltre alla Corea del Nord, saranno anche decine di migliaia, se non addirittura centinaia, di cittadini innocenti della Corea del Sud, ma anche del Giappone, della Cina e della vicina Russia”, ha affermato Lavrov nel corso del suo intervento.

Sicurezza Internazionale è il primo quotidiano italiano interamente dedicato alla politica internazionale.

Traduzione dal russo a cura di Italo Cosentino

 

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.