Ucraina: gli USA non forniranno armi

Pubblicato il 24 settembre 2017 alle 6:05 in Ucraina

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

L’incontro a Washington tra Poroshenko e Trump costringe il leader ucraino a smentire la fornitura di armi statunitensi al governo di Kiev, che aveva causato le proteste di Mosca.

Kiev non riceverà armi letali da Washington, ha dichiarato il presidente ucraino Petro Poroshenko commentando l’incontro a porte chiuse con il presidente americano Donald Trump, tenutosi il 22 settembre scorso alla Casa Bianca.

“Non riceveremo nulla da nessuno nel mondo, nessuna arma letale, ma abbiamo ottenuto importanti rassicurazioni dai nostri partner americani, non si tratta dei lanciamissili Javelin, il discorso riguarda mezzi di guerra elettronica per rendere efficaci le azioni delle nostre forze armate” – così ha risposto Poroshenko alla domanda se Trump avesse dato il via libera alle forniture di armi in Ucraina.

Il presidente ucraino smentisce dunque la notizia, da lui stesso rilasciata lo scorso 19 settembre riguardo alla fornitura di armi americane all’Ucraina che aveva scatenato le ire di Mosca.

Poroshenko ha comunque definito i colloqui con Trump “molto produttivi” ed ha affermato che l’Ucraina produce in piena autonomia “missili anti-carro molto efficaci”.

Martedì 19 settembre Poroshenko aveva affermato che il Senato americano aveva approvato lo stanziamento di 500 milioni di dollari a beneficio di Kiev per il sostegno alla sicurezza e alla difesa. Il Presidente ucraino aveva sostenuto che il disegno di legge prevedesse la fornitura di “armi letali di natura difensiva”. Washington non aveva ufficialmente confermato questa informazione.

In America per partecipare all’Assemblea Generale delle Nazioni Unite, Poroshenko ha inoltre ribadito che la missione ONU nel Donbass avrà luogo “con o senza” il consenso di Mosca. In realtà anche la Russia è favorevole all’invio di caschi blu in Ucraina orientale, ma mentre Kiev e Washington chiedono il dislocamento delle forze ONU in tutto il territorio del Bacino del Don, Mosca chiede che si limitino a dislocarsi lungo la linea del cessate il fuoco tra Kiev e gli indipendentisti filo-russi.

 

Traduzione dal russo e redazione a cura di Italo Cosentino

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.