REPORT ANNUALE SULLA LIBERTA’ RELIGIOSA: USA CRITICA ARABIA SAUDITA E BAHREIN

Pubblicato il 17 agosto 2017 alle 6:35 in USA e Canada

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Il governo americano ha pubblicato il report annuale International Religious Freedom, in cui analizza il grado di libertà religiosa in tutto il mondo.

Nel documento gli USA accusano alcuni alleati del Golfo, quali Arabia Saudita e Bahrein, insieme all’Iran, il Sudan, la Turchia, il Pakistan e la Cina di perseguitare le minoranze religiose. Il segretario di Stato americano, Rex Tillerson, il quale ha presentato il report, ha chiesto a Riyad di “aumentare la libertà religiosa all’interno dei propri territori e per tutti i suoi cittadini”. “Il governo saudita non riconosce il diritto di praticare religioni diverse dall’Islam ai cittadini, perseguendoli legalmente e, talvolta, mandandoli in prigione dopo averli torturati e multati per apostasia”, ha spiegato Tillerson. Il segretario di Stato americano, inoltre, ha aggiunto che i sauditi stanno perseguitando i musulmani sciiti, diffondendo i pregiudizi e le discriminazioni delle minoranze tra la popolazione. Il report solleva le stesse accuse verso le autorità del Bahrein, le quali arrestano sistematicamente chierici sciiti e attivisti politici.

Il quotidiano The New Arab, tuttavia, ha criticato il governo americano, sottolineando il fatto che il report non fa alcun riferimento alle politiche anti-musulmane portate avanti dall’amministrazione Trump, la quale, nel corso dei mesi passati, ha adottato diversi bandi per impedire ai cittadini musulmani provenienti da determinati Paesi del Medio Oriente e dell’Africa di entrare negli USA per motivi di sicurezza. Allo stesso modo, secondo The New Arab, il documento non esprime alcuna critica verso Israele, nonostante le persecuzioni effettuate contro i palestinesi.

Sofia Cecinini

Religioni e credenze del mondo. Fonte: Wikipedia

Religioni e credenze del mondo. Fonte: Wikipedia

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.