SIRIA: IL PAESE DELLE TORTURE

Pubblicato il 6 agosto 2017 alle 3:06 in Medio Oriente Siria

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

I morti causati dalla guerra civile in Siria sono numerosissimi. Meno noto è il numero dei siriani morti a causa di torture: 13,000. Una cifra impressionante, soprattutto se si pensa che quasi tutti i decessi sono attribuibili al regime di Bassar al Assad.

Secondo quanto riporta il Syirian Network for Human Rights, le vittime civili – la cifra non include i militari – sono state 206.932, di cui 12.987 sono morte sotto tortura o in seguito alle torture. Il Syrian Network for Human Rights ha sempre denunciato tutti i bombardamenti contro i civili, compresi quelli commessi dai russi e dagli americani.

A conferma della sua imparzialità, il Syrian Network for Human Rights chiarisce che tutti i gruppi in lotta hanno utlizzato la tortura, compresi i curdi e altre formazioni sostenute dagli Stati Uniti. Tuttavia, precisa che il regime di Bassar al Assad, appoggiato da Putin, ha ucciso con la tortura 12.882 civili ovvero il 99.2% del totale, il che significa che è responsabile di quasi tutte le morti per tortura in Siria. Al regime di Bassar al Assad viene attribuita anche l’uccisione sotto tortura di 161 bambini e di 41 donne. Lo Stato Islamico e le altre formazioni jihadiste avrebbero torturato fino alla morte lo 0,36% dei civili, tra cui 47 bambini e 13 donne.

Bambino siriano in una scuola in Libano. Fonte: Wikimedia Commons.

Bambino siriano in una scuola in Libano. Fonte: Wikimedia Commons.

La guerra civile siriana ha avuto inizio nel marzo 2011 in seguito a una sollevazione popolare contro il regime del dittatore Bassar al Assad. Il conflitto è stato poi alimentato dall’esterno da due coalizioni di paesi. Da una parte, la coalizione formata da Stati Uniti, Turchia, Arabia Saudita e Qatar, il cui fine era il rovesciamento di Bassar al Assad e la sua sostituzione con un presidente amico; dall’altra parte, la coalizione formata da Russia, Iran e milizie sciite di Hezbollah, che operano per mantenere al potere Bassar al Assad, loro fedele alleato.

Iniziata da una rivolta interna, la guerra siriana è diventata sempre più una guerra internazionale per il predominio in Medio Oriente basata sullo scontro tra gli interessi della coalzione americana e gli interessi della coalizione russa. I dati sulle torture coprono il periodo marzo 2011-marzo 2017.

di Alessandro Orsini

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.