Afghanistan: i risultati del sostegno americano

Pubblicato il 1 agosto 2017 alle 15:01 in Afghanistan Asia

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Secondo quanto emerge dall’ultimo report pubblicato dallo Special Inspector General (SIGAR) per l’Afghanistan, gli sforzi degli Stati Uniti per sostenere il governo di Kabul, fino ad oggi, non hanno portato a risultati soddisfacenti.

Gli Stati Uniti, nel corso dei 15 anni passati, hanno speso circa 714 miliardi di dollari per supportare il governo dell’Afghanistan, rafforzando la propria presenza militare sul territorio afghano e ricostruendo le infrastrutture del Paese. Tuttavia, a causa dell’alto tasso di corruzione e dagli scarsi controlli effettuati, i risultati, riferisce il documento, sono poco soddisfacenti.

Da decenni, l’Afghanistan è caratterizzato da una profonda instabilità politica. In seguito al crollo del regime sovietico, i talebani si sono affermati come gruppo dominante e, alla fine di una sanguinosa guerra civile tra diversi gruppi locali, hanno governato gran parte dell’Afghanistan dal 1996 al 2001. Dopo essere stati abbattuti dagli americani, in seguito all’invasione del 2001, i talebani sono tornati a essere un gruppo insurrezionale che compie numerose offensive per destabilizzare il Paese e riprendere il controllo del governo. Nonostante il supporto della NATO, il governo attuale dell’Afghanistan continua a trovarsi in grossa difficoltà a causa della loro forza.

Secondo quanto riportato dallo Special Inspector General for Afghanistan, nonostante la spesa massiccia di Washington, la situazione afghana è rimasta a un punto di stallo a partire dal 2016. Il documento spiega che, dall’anno scorso, il 60% dei distretti complessivi del Paese è sotto il controllo del governo di Kabul, mentre il restante 40% è in mano ai talebani e ad altri gruppi armati. L’alto numero di offensive e scontri tra i combattenti e le forze governative sono aumentati particolarmente negli ultimi mesi, tanto che, dal primo marzo al 31 maggio 2017, le Nazioni Unite hanno registrato 6,252 incidenti, mentre nel periodo dal primo gennaio all’8 maggio 2017, sono morti complessivamente 2,531 membri delle forze di sicurezza afghane e sono stati feriti in 4,238 nel corso delle offensive.

Il segretario della difesa americano, James Mattis, dovrebbe comunicare a breve la nuova strategia del governo americano in Afghanistan, in Pakistan e in India. Al-Jazeera English riporta che, secondo alcune fonti, tale strategia prevederà l’invio di un maggior numero di truppe in Afghanistan, insieme a nuovi consiglieri militari. Gli ufficiali del Dipartimento della Difesa americano si sono rifiutati di rivelare ulteriori informazioni.

Sofia Cecinini

Una strada di Kabul, Aghanistan. Fonte: Wikipedia

Una strada di Kabul, Aghanistan. Fonte: Wikipedia

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.