L’Isis continua a perdere terreno

Pubblicato il 13 luglio 2017 alle 14:51 in Medio Oriente Siria

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Lo Stato Islamico continua a perdere terreno. Il 2 luglio le Syrian Democratic Forces sono entrate nella città vecchia di Raqqa, facendo crollare uno dei punti più difesi. Soltanto pochi giorni fa, il 9 luglio, Mosul veniva liberata. La caduta di Mosul è stato un evento di enorme portata per lo Stato Islamico. Proprio da Mosul, infatti, Al-Baghdadi aveva annunciato  la nascita del califfato, il 29 giugno 2014.

A Raqqa continua, in queste ore, l’avanzata delle Syrian Democratic Forces, sostenute dagli Stati Uniti. Ieri, mercoledì 12 luglio, le milizie curde hanno preso il controllo del villaggio di Al-Akirishi, situato nella parte sud-orientale di Raqqa. Il villaggio ospitava una grande base militare e un campo di addestramento dello Stato Islamico. Secondo le fonti arabe, sono in corso violenti scontri tra le Syrian Democratic Forces e i militanti dello Stato Islamico anche nella zona orientale di Raqqa.

Nel frattempo, anche le forze della coalizione internazionale, che sostengono le Syrian Democratic Forces, hanno bombardato le aree controllate dallo Stato Islamico, causando ingenti danni a case ed edifici.

Secondo il portavoce dell’esercito americano, i consiglieri militari dell’esercito hanno intrapreso operazioni militari a Raqqa. Si tratterebbe di soldati delle forze speciali, mandati in Siria per sostenere le Syrian Democratic Forces. I consiglieri militari non vengono impiegati in operazioni sul campo, ma svolgono un ruolo di coordinamento degli attacchi aerei, da postazioni molto vicine allo Stato Islamico. Frequente è il loro ricorso a trappole esplosive lanciate dagli aerei. Al loro fianco, i marines sparano contro i militanti dello Stato Islamico con l’artiglieria.

Traduzione dall’arabo e redazione a cura di Laura Cianciarelli

Syrian Democratic Forces. Fonte: Wikimedia Commons.

Syrian Democratic Forces. Fonte: Wikimedia Commons.

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.