Siria: violata la tregua

Pubblicato il 11 luglio 2017 alle 6:19 in Medio Oriente Siria

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Dopo neanche ventiquattro ore dall’inizio del cessate il fuoco nella Siria meridionale, sono state registrate quattro violazioni da parte delle forze del regime.

Il cessate il fuoco è iniziato domenica 9 luglio a mezzogiorno, in seguito a un accordo raggiunto da Stati Uniti, Russia e Giordania in merito a una tregua nel Paese. Esso dovrebbe costituire un primo passo verso la creazione della pace permanente in Siria e la diminuzione delle ostilità nell’area.

Secondo l’Osservatorio siriano per i diritti umani, le forze del regime hanno colpito tutte e tre le aree su cui si estende il cessate il fuoco: Dar’a, Quneitra e Al-Suwayda. In particolare, nei governatorati di Quneitra e Al-Suwayda gli attacchi delle forze del regime hanno colpito i luoghi controllati dall’opposizione.

L’Osservatorio ha riferito che “le forze del regime hanno iniziato l’attacco nella mattinata di lunedì nella zona nord-orientale della città di Al-Suwayda, bombardando l’area con aerei da guerra”.

L’agenzia di stampa ufficiale siriana (SANA) ha invece smentito la notizia, affermando che gli attacchi erano destinati a colpire le postazioni dello Stato Islamico. Secondo una fonte militare citata dall’agenzia, “le unità dell’esercito arabo siriano, in collaborazione con i propri alleati, hanno ripreso il controllo di città e villaggi nella zona orientale di Al-Suwayda dopo l’eliminazione di un gran numero di organizzazioni dell’IS”.

Il secondo giorno del cessate il fuoco nel sud della Siria ha coinciso con il settimo round dei negoziati  di pace a Ginevra. L’incontro, svoltosi sotto l’egida dell’ONU, ha riunito i rappresentanti del regime siriano e dell’opposizione per discutere la pace in Siria.

Traduzione dall’arabo e redazione a cura di Laura Cianciarelli

Bashar Al-Assad. Fonte: President of Russia

Bashar Al-Assad. Fonte: President of Russia

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.