Cina, Pakistan e Afghanistan parlano di cooperazione e sicurezza regionale

Pubblicato il 28 giugno 2017 alle 14:16 in Afghanistan Asia

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Cina, Afghanistan e Pakistan si sono riuniti per discutere di cooperazione e del processo di pace dell’Afghanistan. Pechino si propone come mediatore e sostenitore di un rapporto afghano-pakistano più stabile.

Il Ministro degli Esteri della Repubblica Popolare Cinese, Wang Yi, ha effettuato una visita ufficiale in Afghanistan e Pakistan tra il 24 e il 25 giugno. I tre paesi, durante la visita del capo della diplomazia di Pechino, hanno esaminato insieme i principali attentati terroristici verificatesi in Pakistan e Afghanistan negli ultimi tempi. I temi più importanti nell’agenda degli incontri trilaterali sono stati gli attentati terroristici, ma anche i rapporti bilaterali afgano-pakistani e la cooperazione trilaterale. I tre paesi hanno raggiunto un importante consenso su più aspetti: Cina, Afghanistan e Pakistan rafforzeranno l’impegno per tutelare al meglio la stabilità dell’Asia centrale, rafforzare la cooperazione e l’interconnessione nonché promuoveranno la sicurezza e uno sviluppo congiunto.

Il Pakistan e l’Afghanistan hanno affermato di voler migliorare i rapporti bilaterali, rafforzare la cooperazione anche in materia di anti-terrorismo e di voler migliorare la coordinazione nell’affrontare insieme le sfide in materia di sicurezza. La Cina si è dichiarata pronta a fornire il suo aiuto e sostegno per migliorare la stabilità dei rapporti tra Pakistan e Afghanistan.

I due paesi dell’Asia Centrale si sono accordati per la costituzione di un meccanismo di gestione delle crisi che prevede un sistema efficiente di condivisione delle informazioni di intelligence e delle misure preventive riconosciute da entrambe i paesi. Il fine di questo nuovo meccanismo di cooperazione è quello di migliorare la comunicazione fattiva e pronto intervento in caso di attentati terroristici o di altre situazioni di crisi. La gestione delle crisi sarà effettuata attraverso il dialogo e il negoziato per evitare che esse possano influenzare negativamente i rapporti diplomatici tra i due paesi.

Cina, Afghanistan e Pakistan hanno anche concordato la creazione di un Dialogo Diplomatico Trilaterale da effettuarsi tramite incontri tra i ministri degli esteri per il confronto sui principali temi d’attualità e per la promozione della cooperazione, soprattutto economica.

I tre paesi sono concordi sul fatto che l’unica via possibile per risolvere i problemi dell’Afghanistan sia quella della risoluzione pacifica dei conflitti, risoluzione che non è possibile ottenere continuando sulla strada della violenza.

Non è la prima volta che Pechino partecipa ad un incontro legato al processo di pace dell’Afghanistan. Il Gruppo di Cooperazione Quadrilaterale – composto da Afghanistan, Pakistan, Stati Uniti e Cina – si è riunito per la prima volta nel gennaio 2016 con lo scopo di coadiuvare la pace in Afghanistan. Si è trattato di un processo difficile, i Talebani sono sempre stati riluttanti a sedersi al tavolo negoziale e sono subentrate sempre crescenti tensioni tra Kabul e Islamabad.

Il ruolo della Cina in Afghanistan è cambiato molto negli ultimi 16 anni, un periodo in cui i rapporti di Pechino con il Pakistan si sono ampliati e rafforzati molto. Il maggiore coinvolgimento della Cina nell’Asia Centrale incarna lo spirito della sua iniziativa Belt and Road o Nuova Via della Seta. Il progetto mira a creare una Via della Seta del XXI secolo sia su terra che via mare. Una delle componenti più significative degli investimenti di Pechino in Asia Centrale è il Corridoio Economico Cina-Pakistan (CPEC) che prevede, di fatto, il collegamento diretto delle regioni interne della Cina occidentale con i porti del Pakistan. Sono molteplici i progetti infrastrutturali cinesi in corso in Pakistan e molte sono le aziende cinesi giunte nel paese. Per questo, gli interessi strategici di Pechino nell’Asia Centrale sono in costante crescita, di pari passo con il coinvolgimento a livello economico e di investimenti.

Consultazione delle fonti cinesi e redazione a cura di Ilaria Tipà

Rappresentazione grafica del Corridoio Economico Cina-Pakistan che collega il Xinjiang al porto di Gwadar

Rappresentazione grafica del Corridoio Economico Cina-Pakistan che collega il Xinjiang al porto di Gwadar

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.