Truppe siriane raggiungono il confine iracheno

Pubblicato il 11 giugno 2017 alle 6:03 in Medio Oriente Siria

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Le truppe siriane, insieme alle forze alleate che combattono contro l’ISIS, hanno raggiunto il confine iracheno per la prima volta dal 2015, avanzando verso l’area strategica di At Tanf, dove si stanno verificando tensioni tra Damasco e Washington.

I soldati della coalizione internazionale a guida USA stanno presidiando la provincia di At Tanf, utilizzata come safe zone per addestrare i ribelli siriani e compiere operazioni contro i terroristi. Secondo quanto riportato dal gruppo di monitoraggio inglese, Syrian Observary for Human Rights, decine di forze governative siriane si trovano a circa 70 chilometri da At Tanf.

L’8 giugno, il Pentagono ha reso noto che un aereo da guerra americano ha abbattuto un drone armato appartenente al regime siriano, dopo che questo aveva attaccato le forze della coazione internazionale a guida USA che stanno combattendo l’ISIS nel sud della Siria, nella zona di At Tanf. Il drone, un velivolo delle dimensioni simili ad un US MQ-1 Predator, è stato colpito in seguito al rilascio di un’arma sopra alcune postazioni del personale della coalizione, la quale, lo stesso giorno, aveva già distrutto due carri armati del regime siriano che stavano avanzando verso At Tanf, una delle safe zones stabilite ad Astana 4. Nel comunicato emesso dalla Combined Joint Task Force Operation Inherent Resolve si legge che “la missione della coalizione è quella di sconfiggere l’ISIS in Siria e in Iraq, e non quella di combattere contro il regime di Bassar al-Assad o le forze della colazione a guida russa, tuttavia, dal momento che le azioni ostili delle forze che appoggiano il governo siriano continuano a minacciarla, verranno prese le misure necessarie per proteggere i soldati alleati”.

Quella dell’8 giugno non è stata la prima minaccia del regime siriano contro le forze della coalizione. Il 20 maggio, gli aerei americani avevano colpito un convoglio militare di Assad che si stava dirigendo sempre verso la base di At Tanf, vicino al confine con la Giordania. Sembra che nel convoglio fossero presenti anche membri delle milizie iraniane. Le intelligence occidentali sono convinte che l’esercito siriano stia cercando di riappropriarsi dell’autostrada che collega Damasco a Baghdad, la quale, in passato, è stata utilizzata per l’invio di armi iraniane in Siria.

Il conflitto siriano è scoppiato nel marzo 2011, quando le forze del regime di Assad hanno respinto brutalmente le proteste da parte dell’opposizione. Da allora, circa mezzo milione di persone, per la maggior parte civili, sono morti per via dei bombardamenti.

Jet da guerra USA in Siria. Fonte: US Air Force

Jet da guerra USA in Siria. Fonte: US Air Force

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.