L’ISIS rivendica il doppio attentato a Teheran, 17 morti

Pubblicato il 9 giugno 2017 alle 5:53 in Iran Medio Oriente

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

L’ISIS ha rivendicato il doppio attentato di ieri a Teheran attraverso un comunicato pubblicato dall’agenzia di stampa online dei terroristi, Amaq, in cui si legge: “I combattenti dello Stato Islamico hanno attaccato il mausoleo di Khomeini e il Parlamento a Teheran”. Si tratta del primo attacco compiuto dai fondamentalisti nel territorio iraniano. L’analista Charlie Winter ha scritto sul proprio account Twitter che gli eventi di oggi avranno enormi conseguenze per la regione e che la risposta dell’Iran potrebbe trasformare il corso della guerra contro l’ISIS.

L’agenzia di stampa nazionale iraniana, Islamic Republic News Agency (IRNA), ha reso noto che, la mattina del 7 giugno, si sono verificati due attacchi simultanei a Teheran.  Il primo è avvenuto presso il Parlamento iraniano alle 10:15 locali, dove altri 4 individui, uno dei quali si è fatto saltare in aria, hanno cominciato a sparare, ferendo tre guardie. Il secondo si è verificato alle 10:30 locali, nei pressi del mausoleo dell’imam Khomeini, dove un uomo armato ha aperto il fuoco, mentre una kamikaze si è fatta esplodere. Il quotidiano iraniano Iran Daily ha riportato che la polizia ha ucciso il secondo attentatore del mausoleo, mentre al Parlamento una donna è stata arrestata e sono stati fatti fuori gli altri tre terroristi. I morti ammontano a 17, mentre i feriti sono 43. Il ministro degli interni iraniano, Mohammad Hossein Zolfaghari, ha riferito che gli attentatori si sono introdotti all’interno del Parlamento travestiti da donne.

Non sono ancora note le identità dei terroristi. Il Consiglio di sicurezza iraniano ha svolto un meeting straordinario subito dopo gli attentati. Le autorità di intelligence hanno riferito che diverse cellule terroristiche sono penetrate in Iran per compiere attacchi. Una terza cellula in procinto di compiere un altro attacco è stata arrestata, ma al momento non sono state rilasciate ulteriori informazioni.

Il duplice attentato è avvenuto in un momento molto particolare, in cui l’Arabia Saudita, principale rivale regionale dell’Iran, ha tagliato i rapporti diplomatici con il Qatar, con l’accusa di supporto all’Iran e ai gruppi militanti affiliati.

Teheran, capitale iraniana. Fonte: Wikimedia Commons

Teheran, capitale iraniana. Fonte: Wikimedia Commons

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.