Israele arresta lo scrittore palestinese Ahmad Qatamesh

Pubblicato il 16 maggio 2017 alle 6:03 in Israele Medio Oriente

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Israele ha arrestato almeno 14 persone nella costa occidentale della Cisgiordania, tra cui lo scrittore palestinese e attivista politico, Ahmad Qatamesh.

Secondo fonti locali, Qatamesh, 66 anni, è stato preso in consegna dalle forze di sicurezza nella sua casa nella città di al-Bireh vicino a Ramallah. Nello stesso giorno del suo arresto, le autorità israeliane si sono scontrate e hanno fermato alcune persone anche nella città di al-Tira, distretto meridionale di Betlemme. Altri arresti sono stati fatti nel campo profughi al-Farah nel distretto di Tubas, nella città di Qalqiliya e in Jenin, ha detto un portavoce dell’esercito israeliano. Uno degli arresti a Jenin era di un presunto “operatore di Hamas“.

Le incursioni israeliane nelle città e nei villaggi palestinesi sono un fenomeno regolare. Secondo i dati registrati dalle Nazioni Unite, Israele ha effettuato una media di 95 incursioni settimanali in Cisgiordania nel 2016. Invece, sono quest’anno le forze di difesa israeliana (IDF) ne hanno effettuati una media di 70 settimanali.

Qatamesh, che è stato definito da Amnesty International un “prigioniero di coscienza”, era stato già arrestato e poi essere liberato quattro anni fa, dopo aver trascorso un periodo indefinito di tempo nelle carceri israeliane. Nel 2011, le autorità di Israele affermarono che lo scrittore era un membro di Hamas, un’accusa che il gruppo di diritti palestinesi, Addameer, ha dichiarato “assurda”. Fu accusato anche di essere membro del Fronte popolare di sinistra per la liberazione della Palestina.

Nel 1992, Qatamesh ha trascorso sei anni in carcere e poi ha riportato la sua esperienza nel libro I Shall not Wear your Tarboush”.

Cartina di Israele. Fonte: Wikipedia

Cartina di Israele. Fonte: Wikipedia

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.