Caso Odebrecht: Maduro accusato di pagamenti illeciti per la campagna di Chávez nel 2012

Pubblicato il 16 maggio 2017 alle 6:16 in America Latina Venezuela

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

La pubblicitaria brasiliana Mônica Moura ha assicurato che l’attuale presidente del Venezuela, Nicolás Maduro, avrebbe pagato 11 milioni di dollari in contanti per la campagna elettorale del 2012 che portò alla rielezione di Hugo Chávez.

La dichiarazione fa parte dell’accordo al quale Moura e suo marito, João Santana, anch’egli pubblicitario, sono arrivati con la Giustizia brasiliana in cambio di una testimonianza sui pagamenti illeciti ricevuti per lavorare a diverse campagne elettorali. L’accordo siglato dai due pubblicitari brasiliani prevedrebbe una riduzione della loro condanna a otto anni di carcere.

“L’allora cancelliere Nicolás Maduro richiese esplicitamente che Mônica Moura ricevesse quasi tutti i pagamenti in nero, tramite versamenti effettuati dalle compagnie Oderbrecht e Andrade Gutierrez”, si legge nel documento reso pubblico dal magistrato brasiliano Edson Fachin.

Moura ha affermato che parte di quel denaro le fu consegnato personalmente da Maduro nella sede delle cancelleria.

Ad oggi il governo del Venezuela non ha risposto pubblicamente alle accuse.

Il Presidente Maduro. Fonte: Wikimedia Commons

Il Presidente Maduro. Fonte: Wikimedia Commons

L’investigazione nei confronti di Moura e Santana fa parte dell’operazione contro la corruzione denominata “Lava Jato”, nella quasi si indaga sull’ipotesi secondo la quale i pagamenti delle imprese di costruzione proverrebbero da denaro “dirottato” illegalmente dall’impresa petrolifera brasiliana Petrobras.

Stando alla testimonianza di Moura, Odebrecht avrebbe consegnato 7 milioni di dollari ad una delle imprese delle quali è socia insieme a Santana e Polis Caribe, e Andrade Gutierrez avrebbe apportato 2 milioni di dollari tramite un versamento in Svizzera per finanziare il progetto della campagna, incassati dallo stesso João Santana.

Contattati dalla stampa brasiliana, Odebrecht e Andrade Gutierrez si sono rifiutati di commentare la vicenda, limitandosi ad affermare che stanno cooperando con gli investigatori brasiliani.

Panama

Moura e Santana hanno inoltre dichiarato che l’ex presidente di Panama, Ricardo Martinelli, avrebbe pagato 500.000 dollari per favorire la campagna elettorale del candidato del suo partito, José Domingo, il quale però perse le elezioni del 2014.

La pubblicitaria brasiliana ha confessato di aver ricevuto il denaro dallo stesso Martinelli presso il Palacio de las Garzas, sede dell’esecutivo panamense.

Un portavoce di Martinelli ha negato tutte le accuse.

 

Traduzione dallo spagnolo a cura di Italo Cosentino

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.