Al-Baghdadi è fuggito da Mosul abbandonando i propri seguaci

Pubblicato il 14 maggio 2017 alle 10:43 in Iraq Medio Oriente

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Un ufficiale iracheno delle forze anti-terrorismo, il generale Maan al-Saadi, ha riferito ad Al-Arabiya che il leader supremo dell’ISIS, Abu Bakr Al-Baghdadi, è fuggito da Mosul abbandonando i propri soldati.

Al-Saadi ha spiegato che Baghdadi si è recato in un luogo sconosciuto, da dove potrebbe pianificare nuovi attacchi internazionali. Inoltre, il generale iracheno ha riferito che, dal momento che l’esercito locale, con l’aiuto della coalizione internazionale a guida USA, sta liberando tutte le zone circostanti a Mosul, e sta penetrando all’interno della zona ovest della città, i terroristi “sentono di aver perso la loro roccaforte”. Il primo marzo, Baghdadi aveva pubblicato un comunicato in cui rendeva nota la sconfitta del gruppo in Iraq, chiedendo ai propri seguaci di nascondersi e di fuggire. Secondo quanto riportato da alcune fonti del governatorato di Niveneh, la comunicazione del leader dell’ISIS era intitolata “discorso di addio”, ed è stato distribuito tra i predicatori e i chierici dell’organizzazione.

Attualmente a Mosul i combattenti dello Stato Islamico sono barricati nelle case della città vecchia insieme ai civili. I residenti, il cui numero si aggira intorno ai 250,000, hanno riferito che i terroristi stanno ricorrendo sempre di più a tattiche brutali contro di loro. “I jihadisti sono venuti a casa nostra e hanno blindato la porta, ci hanno dato poca acqua e vestiti bianchi”, ha spiegato un residente di Zinjili a The New Arab. Dopo mesi di combattimenti, le condizioni dei civili che si trovano ancora nella città vecchia sono disastrose e l’ISIS sta impedendo qualsiasi possibilità di fuga. Un altro testimone ha riferito che “i terroristi stanno costringendo le famiglie a rimanere dentro le abitazioni, barricando le porte e le finestre”. Inoltre, i jihadisti hanno posizionati numerose trappole negli edifici della città vecchia, dirette a colpire le forze governative, le quali, il 12 maggio, hanno liberato il distretto di Islah al-Zeraee, uno dei principali della città, uccidendo due membri chiave dell’organizzazione. Nel mentre, la polizia federale ha reso noto che i propri agenti hanno ripreso il controllo dell’ospedale civile al-Nouri, e anche una scuola che era stata adibita a fabbrica di trappole nella città vecchia.

A distanza di quasi tre mesi dall’inizio dell’offensiva per liberare la zona ovest di Mosul, il 19 febbraio, le forze irachene e della coalizione internazionale a guida USA stanno ultimando le operazioni per eliminare definitivamente i jihadisti dalla città, i quali, ormai, controllano meno del 7% del territorio complessivo iracheno.

Città vecchia, Mosul, Iraq. Fonte: Wikimedia Commons

Città vecchia, Mosul, Iraq. Fonte: Wikimedia Commons

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.