Lavrov a Washington per rilanciare le relazioni USA-Russia

Pubblicato il 12 maggio 2017 alle 6:23 in Russia

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Il ministro degli Esteri russo Sergej Lavrov ha portato al presidente degli Stati Uniti Donald Trump  un messaggio personale del Presidente russo Vladimir Putin.

Lavrov durante la conferanza stampa. Fonte: mid.ru

Lavrov durante la conferanza stampa. Fonte: mid.ru

Il presidente Donald Trump ha intenzione di lavorare per migliorare le relazioni USA-Russia, la sua amministrazione è pronta a lavorare con la Russia sulla risoluzione dei conflitti in Ucraina, Siria, Medio Oriente e in altre regioni – ha dichiarato Sergej Lavrov in una conferenza stampa tenuta all’ambasciata russa al termine delle riunioni con il Segretario di stato Tillerson e con il Presidente Trump.

I risultati della prima visita di lavoro del Ministro degli esteri di Mosca a Washington dal 2013 sono “incoraggianti”.

Il capo della diplomazia russa ha osservato con soddisfazione che il dialogo con l’amministrazione Trump è “privo di posizioni preconcette ideologizzate” al contrario di quanto accaduto con la precedente amministrazione democratica. Ora il nostro dialogo è libero da posizioni ideologiche che erano caratteristiche dell’amministrazione Obama – ha dichiarato Lavrov -; Il Presidente e il Segretario di Stato sono uomini del fare, sono persone che vogliono negoziare.

Lavrov ha discusso con Trump e Tillerson di possibili meccanismi di interazione e collaborazione in Siria, ma non è stato toccato il tema delle sanzioni anti-russe. Trump avrebbe chiesto alla Russia di “frenare” il presidente Assad e di prendere le distanze dall’Iran e dagli alleati di Teheran.

Per quanto riguarda il conflitto ucraino Trump e Tillerson si sono detti pronti a collaborare all’attuazione degli accordi di Minsk, ma hanno sottolineato come sia responsabilità di Mosca rendere possibile tale cooperazione.

In conferenza stampa il Ministro ha evitato di rispondere alle domande sulla presunta ingerenza russa nella elezioni presidenziali americane di novembre affermando che si tratta di “questioni interne”. La stessa risposta ha dato alle domande sul licenziamento del direttore dell’FBI Comey.

Il Portavoce del Cremlino Dmitrij Peskov ha reso noto che Lavrov ha consegnato a Trump un messaggio personale di Vladimir Putin. Non è stato reso noto il contenuto di tale messaggio, Peskov si è limitato a sottolineare che in Ucraina la Russia non è una parte in conflitto, ma garante dell’applicazione degli accordi di Minsk, come Francia e Germania.

Traduzione dal russo e redazione a cura di Italo Cosentino

 

 

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.