Rifugiati: il bilancio del Portogallo

Pubblicato il 10 maggio 2017 alle 14:17 in Europa

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Il Portogallo ha accolto dalla fine del 2015 1306 rifugiati, poco più di un terzo dei quali ha abbandonato il programma per chiedere asilo in altri paesi

La conferenza stampa del governo portoghese sul tema dei rifugiati. Fonte: portugal.gov.pt

La conferenza stampa del governo portoghese sul tema dei rifugiati. Fonte: portugal.gov.pt

Dei 1306 rifugiati accolti in Portogallo negli ultimi 15 mesi, 555 hanno abbandonato il programma di protezione portoghese per recarsi in altri paesi. È sempre un’opzione dei rifugiati lasciare il paese e chiedere asilo in altre nazioni – ha ricordato Costança Urbano de Sousa, ministro dell’amministrazione interna portoghese in occasione di una conferenza stampa del governo in cui è stato presentato il bilancio del programma d’accoglienza.

Il ministro ha sottolineato come abbandonare il Portogallo equivale a rinunciare ai diritti di protezione e asilo previsti dal programma, emigrando “illegalmente” in altri paesi della UE. Alla conferenza hanno preso parte il viceministro Eduardo Cabrita, Rui Marques, presidente della Plataforma de Apoio aos Refugiados (PAR), e Teresa Tito de Morais, presidente del Conselho Português para os Refugiados (CPR).

Motivo principale dell’emigrazione in altri paesi è – secondo il viceministro Cabrita – la volontà dei migranti di riunirsi alle comunità del paese d’origine esistenti in altre nazioni europee. Il Ministro, interrogata dai giornalisti riguardo alla possibile relazione tra alto tasso di abbandoni e scarse possibilità d’immissione nel mercato del lavoro, ha affermato di non disporre di dati in materia. Ha affermato in cambio che la polizia sta indagando su un possibile “favoreggiamento dell’abbandono da parte di reti criminali” e che i movimenti dei rifugiati nel paese sono monitorati dall’antiterrorismo portoghese.

Mentre il governo socialista ha definito “molto positivo” il bilancio del programma di accoglienza, il Partito Social-Democratico (PSD) d’opposizione ha chiesto di analizzare a fondo il programma ed individuarne le falle. Il Blocco di Sinistra, il cui appoggio parlamentare è essenziale per il Primo Ministro Costa, ha appoggiato la richiesta del PSD.

Al termine della conferenza Costança Urbano da Sousa ha riaffermato l’impegno del Portogallo nell’accogliere altri rifugiati nel quadro del programma europea.

 

Traduzione dal portoghese e redazione a cura di Italo Cosentino

 

 

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.