Il comitato ministeriale israeliano spinge per far passare un disegno di legge sulla lingua araba

Pubblicato il 9 maggio 2017 alle 6:03 in Israele Medio Oriente

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Domenica 7 maggio, un comitato israeliano del governo ha sostenuto una nuova versione del disegno di legge dello stato-nazionale, che declassa l’arabo da lingua ufficiale del paese.

Il comitato ministeriale per la legislazione ha votato per rivalutare il controverso “disegno di legge nazionale” che afferma che “il diritto all’autodeterminazione nello Stato di Israele è unico al popolo ebraico”.

Attualmente, sia l’ebraico che l’arabo sono le lingue nazionali di Israele.

Il disegno di legge afferma che l’ebraico sarebbe la sola lingua nazionale e declassa l’arabo a “a uno status speciale dello Stato” i cui “oratori hanno il diritto a servizi accessibili a livello linguistico”.

Il progetto dovrà passare vari turni di legislazione in Parlamento per diventare legge.

I critici hanno affermano che, se passasse, potrebbe compromettere l’equilibrio di Israele sia come Stato ebraico che come democrazia, danneggiando i diritti delle minoranze del paese.

Il capo della commissione ministeriale, il ministro del turismo Yariv Levin ha dichiarato: “Per troppo tempo abbiamo cercato di discutere e di prendere una decisione in merito alla legge – una legge fondamentale per cui non è ancora chiaro come non sia ancora prevista dalla normativa – e il cui semplice scopo è quello di proteggere lo Stato di Israele come lo Stato del popolo ebraico”.

Ayman Odeh, leader della coalizione delle liste di legislatori palestinesi, ha affermato che la legge è un esempio di “tirannia della maggioranza” e ha definito gli arabi “cittadini di seconda classe”.

Il membro palestinese della Knesset, Esawi Freige, ha fatto sapere che la decisione del comitato “dimostra ancora una volta che per l’attuale governo la democrazia è una brutta parola“.

Secondo The New Arab se passasse, la legge violerebbe i diritti di circa 1,5 milioni di palestinesi che vivono in Israele.

 Leader della coalizione delle liste di legislatori palestinesi Ayman Odeh. Fonte: Wikimedia Commons

Leader della coalizione delle liste di legislatori palestinesi, Ayman Odeh. Fonte: Wikimedia Commons

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.