Ufficiale iracheno della NGC ucciso a Kirkuk

Pubblicato il 3 maggio 2017 alle 6:48 in Iraq Medio Oriente

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Un uomo armato ha ucciso un ufficiale iracheno della North Gas Company (NGC), mentre stava arrivando al proprio ufficio a Kirkuk.

Iraqi News ha riportato che il manager Mohammed Younis, un curdo-iracheno, è stato ucciso insieme all’autista da un’auto in corsa che ha aperto il fuoco. Al momento, nessuno ha rivendicato l’attentato. La città di Kirkuk ha una popolazione composta da curdi, turkmeni e arabi, ed è sotto il controllo dei curdi dal giugno 2014, ma alcune aree della provincia sono ancora in mano ai terroristi. Il governo iracheno ha più volte annunciato di voler aumentare i controlli di sicurezza per liberare la regione dall’ISIS, ma l’esercito locale è attualmente impegnato nella battaglia per riprendere Mosul, la roccaforte principale dei jihadisti in Iraq. Non appena questa sarà liberata, l’esercito iracheno dovrebbe lanciare un’offensiva contro le aree di Kirkuk per estirpare definitivamente dalla zona i militanti dell’ISIS.

Intanto, ad avviso del sindaco del distretto di Sinjar, Mahma Khalil, le forze governative hanno prestato supporto militare ai militanti del Kurdistan Worker’s Party (PKK), considerato un’organizzazione terroristica dalla Turchia. Il 30 aprile, Khalil ha riferito che Baghdad ha appoggiato le milizie del PKK in seguito agli attacchi turchi contro le basi dei militanti curdi nel nord dell’Iraq. “Il governo sta supportando queste forze irregolari che operano a Sinjar, senza il suo appoggio non sarebbero in grado di essere attive qui”, ha spiegato il sindaco, il quale ha aggiunto che la presenza dei curdi sta destabilizzando la regione. La crescente presenza del PKK a Sinjar è stata una conseguenza dell’assalto dell’ISIS, nell’agosto 2014, contro le donne yazide dell’area, che è culminato nel massacro di Sinjar, in cui sono morte in 5,000.

La NGC è una compagnia di gas irachena che è stata fondata nel 1998, il cui obiettivo è quello di utilizzare tutti i gas disponibili nei giacimenti locali per produrre diversi prodotti, tra cui il gas secco, gasolio naturale e zolfo.

Kirkuk, Iraq. Fonte: Wikimedia Commons

Kirkuk, Iraq. Fonte: Wikimedia Commons

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.