Somalia e Turchia firmano accordi bilaterali

Pubblicato il 28 aprile 2017 alle 8:26 in Africa Somalia

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Mercoledì 26 aprile un delegato del presidente somalo, Mohamed Abdulahi Mohamed, detto Farmajo, ha firmato accordi bilaterali con il governo turco ad Ankara.

L’intesa firmata con la Turchia ha lo scopo di rafforzare la cooperazione bilaterale in vari settori, tra cui gli scambi, gli investimenti, l’istruzione e le altre aree reciproche. Gli accordi e i memorandum d’intesa sono stati siglati dai ministri degli affari esteri della Somalia e della Turchia in presenza di entrambi i presidenti.

All’arrivo del presidente Farmajo al palazzo presidenziale, il suo delegato è stato accolto con calore dal presidente turco, Recep Tayyip Erdoğan. In seguito si è tenuta una riunione a porte chiuse. Terminato l’incontro privato i due presidenti hanno tenuto una conferenza stampa, hanno lodato i reciproci rapporti e hanno espresso l’impegno a migliorare le loro relazioni. Durante la conferenza stampa, il presidente Erdogan ha criticato la comunità internazionale per non aver fornito sufficiente supporto alla Somalia durante l’attuale siccità e ha ribadito il continuo sostegno alla Somalia per evitare che tale disagio porti alla carestia. Al suo fianco, il presidente Farmajo ha lodato il ruolo della Turchia in Somalia e ha ringraziato il governo turco per aver ospitato il suo rappresentante durante la prima visita statale in Turchia.

I due paesi sono stati concordi nel rafforzare la cooperazione in materia di sicurezza, economia e promozione della cultura e della tradizione.

La Somalia è il più grande destinatario globale dell’aiuto turco e la Turchia dovrebbe partecipare alla prossima conferenza di Londra sulla Somalia che si terrà a maggio 2017, insieme agli altri partner internazionali del paese.

Le due nazioni sono partner di lunga data, impegnati in una stretta cooperazione allo sviluppo. La Somalia ha anche un’ambasciata ad Ankara e la Turchia mantiene un’ambasciata a Mogadiscio. Nel 1969, Somalia e Turchia furono tra i membri fondatori dell’Organizzazione per la cooperazione islamica (OIC). L’organizzazione afferma di essere “la voce collettiva del mondo musulmano” e lavora per “salvaguardare e proteggere gli interessi del mondo musulmano promuovendo la pace e l’armonia internazionale”.

Il presidente somalo, Mohamed Abdulahi Mohamed. Fonte: Wikipedie

Il presidente somalo, Mohamed Abdulahi Mohamed. Fonte: Wikipedie

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.