Spagna: arrestate a Barcellona tre persone vincolate agli attentati di Bruxelles

Pubblicato il 26 aprile 2017 alle 14:22 in Europa

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Mossos d’esquadra hanno fermato tre persone sospettate di essere in qualche modo legate agli attentati del 22 marzo 2016 nell’aeroporto e nella metropolitana di Bruxelles, costati la vita a 35 persone.

1200px-Emblema_de_los_Mossos_d'Esquadra.svg

Simbolo dei Mossos d’esquadra. Fonte: Wikipedia

L’operazione Apolo condotta dai Mossos d’esquadra, la polizia regionale catalana, in collaborazione con la Polizia Nazionale spagnola e con le forze di sicurezza belghe, ha portato all’arresto a Barcellona di nove persone accusate di organizzazione a delinquere e narcotraffico. 300 agenti sono stati coinvolti nell’azione, iniziata alle 4:30 dello scorso 25 aprile. Tre detenuti sono legati, secondo la giustizia belga, agli attentati del 22 marzo 2016 contro l’aeroporto e la metropolitana di Bruxelles. Gli altri sei sarebbero comunque vincolati in qualche modo al terrorismo jihadista.

L’inchiesta è iniziata otto mesi fa su iniziativa di un giudice di Bruxelles che aveva chiesto informazioni sui tre uomini che, seppur formalmente residenti a Barcellona, viaggiavano assiduamente a Molenbeek, quartiere della capitale belga considerato il cuore del radicalismo islamico nel paese. I tre detenuti, tutti di origine marocchina, avrebbero stretti legami con i fratelli Atar, considerati gli organizzatori dell’attacco terrorista.

Né il capitano dei mossos Josep Lluís Trapero né l’assessore catalano agli affari interni Jordi Jané hanno comunicato ulteriori dettagli, alludendo al segreto istuttorio decretato tanto dalla giustizia spagnola come da quella belga. Trapero ha ricordato tuttavia come i nove detenuti non abbiano commesso reati legati al terrorismo in Catalogna, dov’erano ricercati per attività legate al narcotraffico.

Altre due persone, uno spagnolo e un marocchino, sono state fermate nell’ambito della stessa inchiesta dalla Guardia Civile in provincia di Segovia, dove pochi giorni fa un presunto jihadista egiziano era stato arrestato nella località di Espirar.

Traduzione dallo spagnolo e redazione a cura di Italo Cosentino

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.