Il leader di al-Qaeda mira a portare avanti “una lunga guerra in Siria”

Pubblicato il 26 aprile 2017 alle 6:46 in Medio Oriente Siria

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Il leader di al-Qaeda, Ayman al-Zawahiri, ha esortato l’opposizione siriana a muovere una guerriglia contro il governo di Bassar al-Assad ed i suoi alleati.

Al-Jazeera English riporta che, in un audio-messaggio intitolato “Syria will only bow by God” rilasciato il 23 aprile online, Zawahiri chiede ai ribelli siriani di “avere pazienza e di prepararsi per una lunga guerra contro i crociati e i loro alleati sciiti”. Inoltre, il terrorista suggerisce di iniziare una sorta di guerriglia per “indebolire il nemico” e spiega che il governo siriano, insieme ai suoi sostenitori, sta attaccando i ribelli perché non vuole che stabiliscano la legge islamica sunnita in Siria.

Nel luglio 2016, il fronte Al-Nusra, un gruppo di ribelli, ha annunciato la propria affiliazione ufficiale ad al-Qaeda, cambiando il proprio nome in Jabhat Fath al-Sham, che significa “la conquista del fronte siriano”. Lo scorso 28 gennaio, tale gruppo si è accorpato con altre fazioni, dando vita ad una nuova organizzazione chiamata Hayat Tahrir al-Sham, o l’Assemblea per la liberazione della Siria.

Ad avviso dell’analista di al-Jazeera Marwan Bishara, al-Zawahiri sta tentando di far puntare i riflettori sulla propria organizzazione. “Senza dubbio, con l’ISIS che è l’organizzazione terroristica più conosciuta in Siria e in Iraq e anche a livello internazionale, al-Qaeda sta cercando di essere rilevante in un momento in cui, ormai, non lo è più”, ha spiegato Bishara. L’analista, inoltre, ha aggiunto che al-Qaeda è cambiata molto nel corso degli ultimi decenni; un tempo era basata su un’organizzazione gerarchica, in cui Osama bin Laden, il leader di al-Zawahiri, dava ordini. Successivamente, altre piccole entità terroristiche si sono unite alle sue fila, rispettando tale gerarchia, ma poi l’organizzazione è divenuta sempre più frammentata, tanto che, ormai, la branca di al-Qaeda in Yemen agisce indipendentemente da AQI, al-Qaeda in Iraq. “Ci sono molti gruppi autonomi che non prendono ordini da al-Zawahiri, la Siria potrebbe essere un punto di svolta”, ha concluso Bishara.

Ayman al-Zawahiri. Fonte: Flickr

Ayman al-Zawahiri. Fonte: Flickr

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.