Iraq: rinvenuti documenti importanti dell’ISIS nei pressi di Sohna

Pubblicato il 23 aprile 2017 alle 6:47 in Iraq Medio Oriente

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Le forze antiterrorismo irachene hanno rivelato di aver trovato documenti e foto di alcuni membri dell’ISIS, insieme a dispositivi elettronici nelle vicinanze di Sohna, in uno dei quartier generali dei jihadisti nella zona ovest di Mosul.

Il Maggiore Generale Maan al-Saadi ha riferito ad Al Arabiya English che, durante un raid nell’area, gli agenti hanno avuto uno scontro a fuoco con i terroristi riuscendo, però, a tenere sotto controllo la situazione. Dopo aver fatto irruzione dentro un’abitazione, le forze di sicurezza si sono rese conto che si trattava di una base dell’ISIS grazie al materiale rinvenuto. Saadi ha aggiunto che i militanti dello Stato Islamico erano in possesso, oltre che di dispositivi elettronici, di mappe e guide su come lanciare missili scritte in lingua russa. “L’ISIS chiama la propria attività online il jihad elettronico”, ha spiegato il Maggiore Generale, aggiungendo che i terroristi, grazie al materiale propagandistico diffuso su internet, sono riusciti a reclutare numerosi foreign fighters. A tale proposito, i miliziani dello Stato Islamico hanno lanciato una nuova rivista elettronica chiamata “Kybernetik”, il cui obiettivo è quello di insegnare ai propri seguaci come partecipare alla guerra-cyber contro l’Occidente, evitando, allo stesso tempo, qualsiasi tipo di sorveglianza online da parte delle autorità dei vari paesi. La prima edizione della rivista è stata diffusa in lingua tedesca ed è stata caricata su uno dei siti ufficiali dell’organizzazione.

Intanto, la polizia federale irachena ha dichiarato che, dall’inizio delle operazioni per liberare la zona ovest di Mosul, lo scorso 19 febbraio, le truppe locali sono state in grado di far evacuare 3,865 famiglie e 260,000 civili. Delle 3,865 famiglie, 3,630, composte da 22,193 membri, sono già tornate nelle proprie abitazioni nelle zone liberate della città. Il Tenente Generale Shaker Jawdat, capo della polizia federale, ha reso noto che 50,000 pacchetti di cibo sono stati distribuiti tra le persone che ancora non sono riuscite a tornare nelle proprie case. Inoltre, da febbraio a oggi, 20 leaders dell’ISIS sono stati uccisi, 63 quartier generali dei terroristi sono stati liberati, e 274 chilometri quadrati sono stati riconquistati. Il numero delle autobombe distrutte dai soldati iracheni ammonta a 350. Secondo quanto riportato da un comunicato che informa sugli ultimi sviluppi a Mosul, l’esercito iracheno ha invaso la città vecchia da 4 assi: da Bab al-Toub, sulla riva del Tigri, da Bab al-Jadid, da Qadhib al-Ban e dal distretto di al-Thawra.

Una fonte militare americana ha riferito che i militanti dell’ISIS, in Siria, stanno spostando la propria capitale da Raqqa a Deir Az-Zour, vicino ai confini con l’Iraq, a causa dell’aumento dei bombardamenti della coalizione internazionale a guida USA contro le loro postazioni.

Forze speciali irachene. Fonte: Wikimedia Commons

Forze speciali irachene. Fonte: Wikimedia Commons

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.