Trump visiterà le Filippine, ma Duterte rafforza legami con la Russia

Pubblicato il 20 aprile 2017 alle 11:36 in Asia Filippine

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, andrà in visita ufficiale nelle Filippine per presenziare al vertice ASEAN previsto nel mese di novembre, ma le Filippine continuano a rafforzare i legami con Russia e Cina.

Donald Trump avrebbe confermato la sua partecipazione al summit ASEAN del novembre 2017, secondo quanto dichiarato dall’ambasciatore delle Filippine negli Stati Uniti, Marciano Paynor, coinvolto direttamente nell’organizzazione dell’evento. “Al momento il presidente Trump ha affermato che parteciperà, quando il presidente Duterte lo ha chiamato”, ha spiegato Paynor durante una conferenza stampa a Manila. La telefonata a cui l’Ambasciatore fa riferimento è quella avvenuta lo scorso dicembre 2016, quando Duterte chiamò Trump per congratularsi per la vittoria alle presidenziali.

Il vertice ASEAN – l’Associazione delle Nazioni del Sud-Est Asiatico – sarà la prima occasione di incontro diretto tra Trump e Duterte, se il primo non deciderà di partecipare al summit One Belt One Road – Nuova Via della Seta – organizzato da Xi Jinping e previsto per maggio, a Pechino.

I rapporti tra Stati Uniti e Filippine, storici alleati, stanno attraversando una fase di cambiamento. L’elezione di Rodrigo Duterte, nel luglio 2016 e quella di Trump nel novembre dello stesso anno, hanno visto un progressivo allontanamento tra i due paesi. Duterte ha intrapreso una politica di avvicinamento alla Cina rafforzando i legami e la cooperazione con Pechino e di ricerca di nuovi alleati non tradizionali. Tra questi figura anche la Russia. Alcune navi della marina russa sono giunte nelle Filippine, giovedì 20 aprile, per condurre delle esercitazioni militari congiunte. Si tratta di un’operazione che si iscrive nel tentativo di Duterte di creare legami diplomatici più forti con i poteri che, tradizionalmente, sono opposti a Washington.

Il presidente delle Filippine afferma di voler perseguire una “politica estera indipendente”, come previsto dalla costituzione del suo paese. Per farlo, non ha fatto mistero di volersi allontanare dagli Usa e di voler dare priorità alla Russia e alla Cina, per diversificare la gamma di alleati a sua disposizione. Le esercitazioni congiunte con la marina della Russia sono parte del programma di cooperazione in cui Mosca vuole aiutare Manila a combattere la pirateria e l’estremismo religioso che attanaglia soprattutto il sud del paese. Le forze sovietiche aiuteranno l’esercito delle Filippine con dei corsi di addestramento e programmi di cooperazione. Si tratta di un sostegno che storicamente è sempre giunto dagli Stati Uniti. Nel mese di maggio 2017, il presidente Duterte e la sua controparte in Russia, Vladimir Putin, faranno da testimoni alla sigla di alcuni accordi bilaterali in materia di difesa a Mosca.

Bandiera delle Filippine, fonte: Wikipedia Commons

Bandiera delle Filippine, fonte: Wikipedia Commons

 

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.