Spagna: l’ex presidente della Comunità di Madrid arrestato per corruzione

Pubblicato il 19 aprile 2017 alle 15:27 in Europa

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

L’inchiesta sull’azienda idrica regionale Canal de Isabel II ruota attorno a uno storno di fondi a favore di esponenti del precedente esecutivo locale, guidato da Ignacio González, e di cui si sospetta l’utilizzo per il finanziamento illegale del Partito Popolare. 

L'ex presidente della Comunità di Madrid, Ignacio González. Fonte: Wikimedia commons

L’ex presidente della Comunità di Madrid, Ignacio González. Fonte: Wikimedia commons

Ignacio González, presidente della Comunità di Madrid tra settembre 2012 e giugno 2015 è stato arrestato per ordine del giudice Eloy Velasco che indaga sulla gestione finanziaria dell’impresa idrica pubblica Canal de Isabel II. Si sospetta che una serie di operazioni finanziarie siano servite da copertura per lo storno di fondi pubblici a favore di González e di alcuni suoi collaboratori. Fonti investigative aggiungono che potrebbero essere stati utilizzati anche al fine di finanziare illegalmente il Partito Popolare.

Assieme a González sono state arrestate altre 11 persone, tra cui il fratello e Edmundo Rodríguez Sobrino, che gestiva gli investimenti del Canal de Isabel II in America Latina. Rodríguez Sobrino era stato coinvolto in uno scandalo legato alla creazione di imprese off-shore a Panama con i fondi dell’azienda idrica, motivo per il quale era stato licenziato dall’attuale Presidente della Comunità di Madrid, Cristina Cifuentes.

González era stato coinvolto due anni fa nel caso “ático“, legato all’acquisto fittizio di un attico a Marbella, interpretato dai giudici come copertura per il pagamento di tangenti. A causa dello scandalo non era stato ricandidato dal Partito Popolare, da cui successivamente era stato sospeso. Prima di guidare la Comunità Autonoma, González ne era stato il vicepresidente sin dal 2003 e ancora in precedenza era stato Sottosegretario all’Immigrazione nei governi di José María Aznar.

Il Ministro dell’Interno Zoido ha commentato l’arresto del suo ex compagno di partito assicurando che la detenzione dimostra come funzionino le istituzioni e la lotta alla corruzione in Spagna.

Traduzione dallo spagnolo e redazione a cura di Italo Cosentino

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.