Esercito siriano lancia offensiva per riprendere il controllo della aree dei ribelli intorno a Damasco

Pubblicato il 15 aprile 2017 alle 14:35 in Medio Oriente Siria

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Ma L’esercito siriano, con l’appoggio dell’alleato russo, è riuscito a riprendere il controllo di alcune città che erano governate dai ribelli siriani e dai terroristi dell’ISIS, tra cui Aleppo, Homs e Palmira.

Nel corso dei tre anni passati, le forze del presidente della Siria, Bassar al-Assad, non erano state in grado di liberare le zone occupate dai ribelli intorno alla capitale Damasco, dove i combattenti avevano costruito un labirinto segreto formato da tunnel sotterranei. Tuttavia, nell’ultima settimana, Assad ha aumentato la sicurezza all’interno del suo regime, mostrandosi determinato a voler riprendere definitivamente il controllo delle aree a nord e a nord-est di Damasco. L’offensiva preparata è la più forte che sia mai stata messa in atto negli anni passati e prevede che gli aerei da guerra effettuino più di di 70 bombardamenti in un solo giorno, usando missili specializzati. Ahmad Mahmoud, un attivista dei ribelli siriani residente in un sobborgo ad est della capitale, governato dall’opposizione, ha riferito che “il regime siriano sta utilizzando tutto il potere che ha”.

Le provincie di Barzeh, Qaboun e Jobar, nelle vicinanze di Damasco, formano un semicerchio da nord ad est intorno alla capitale e sono governate dall’opposizione siriana, che spesso lancia attacchi contro il regime, dimostrando di essere in grado di colpire la roccaforte di Assad. A partire dal 2014, in seguito ad un accordo tra il governo ed i ribelli, le provincie di Qaboun e Barzeh sono state relativamente calme, permettendo al presidente siriano di rivolgere la propria attenzione e le proprie forze verso altre aree più turbolente. Nel dicembre 2016, le truppe siriane si sono rimpadronite delle aree ad est di Aleppo che erano sotto il controllo dei ribelli, effettuando la vittoria più importante dall’inizio del conflitto. Aleppo costituisce il centro siriano commerciale più importante. A marzo, i ribelli hanno cominciato ad evacuare la zona di al-Waer, nei pressi di Homs, la terza città più grande della Siria.

Le truppe siriane, tuttavia, stanno combattendo anche contro i gruppi estremisti, tra cui l’ISIS e Jabath al-Nusra. Ieri, l’esercito di Assad ha respinto un attacco lanciato da Jabath al-Nusra contro una base militare ad ovest di Damasco. L’agenzia di stampa siriana SANA ha riportato che i terroristi provenivano dai distretti di Moghe al-Meer e Dahar al-Answad. I soldati siriani sono riusciti a sventare l’attentato uccidendo e ferendo diversi jihadisti e costringendone molti alla fuga.

Damasco, capitale siriana. Fonte: Wikipedia

Damasco, capitale siriana. Fonte: Wikipedia

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.