Le forze somale salvano dai pirati otto membri di un equipaggio indiano

Pubblicato il 13 aprile 2017 alle 7:57 in Africa Somalia

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

I marinai della nave dirottata la scorsa settimana sono stati salvati dopo che le forze regionali hanno circondato i loro rapitori in un piccolo paese fuori dalla città di Hobyo, ha spiegato ad Associated Press Abdullahi Ahmed Ali, sindaco della città. I quattro pirati sono stati arrestati durante l’operazione, ha continuato.

Tutti i membri indiani dell’equipaggio sono attualmente in salvo, due erano già stati liberati domenica 9 aprile. I dieci membri dell’equipaggio sono stati liberati più tardi, non 11 come era stato inizialmente annunciato dai funzionari, ha detto.

I pirati hanno fatto camminare i marinai a piedi nella boscaglia per giorni al fine di evitare che le truppe li individuassero. “Sono esausti e affamati a causa di questo lungo calvario”, ha dichiarato il sindaco.

Il ministro degli affari esteri dell’India, Sushma Swaraj, su Twitter si è detta felice di confermare il salvataggio e ha ringraziato le autorità somale.

Nelle ultime settimane c’è stata una rinascita della pirateria al largo delle coste della Somalia, dopo anni di inattività. La pirateria rappresenta una grave minaccia per l’industria marittima, dopo anni di impegno internazionale nel pattugliare le coste del paese, in un periodo in cui il debole governo centrale sta cercando di stabilizzare lo Stato dopo 25 anni di conflitti.

Nel mese di marzo, i pirati somali hanno dirottato la petroliera battente bandiera Comore, effettuando il primo sequestro di una nave commerciale di grandi dimensioni dal 2012. In seguito hanno rilasciato la nave e l’equipaggio dello Sri Lanka senza condizioni. A fine marzo hanno sequestrato un peschereccio e sabato scorso sono saliti a bordo di una nave da carico libanese che hanno abbandonato il giorno successivo prima che venisse recuperata dalle forze navali.

Mappa pirateria somala (2005-2010). Fonte: Wikimedia Commons

Mappa pirateria somala (2005-2010). Fonte: Wikimedia Commons

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.