L’ISIS controlla ormai solo il 7% del territorio iracheno

Pubblicato il 12 aprile 2017 alle 9:40 in Iraq Medio Oriente

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Un portavoce militare iracheno ha riferito che l’ISIS, ormai, controlla meno del 7% del territorio complessivo dell’Iraq.

Il Brigalier Generale, Yahya Rasool, ha spiegato ai giornalisti che “nel 2014, l’ISIS controllava il 40% del paese”, ed ha aggiunto che “dal 31 marzo, i terroristi hanno solo il 6,8% del territorio”. Nel corso dei due anni passati, i militanti dello Stato Islamico hanno gradualmente perso terreno. Le aree che avevano conquistato nel giugno del 2014 facevano parte della regione curda irachena.

Le forze irachene, appoggiate dalla coalizione internazionale guidata dagli USA, dall’ottobre 2016, stanno portando avanti la battaglia per liberare Mosul dai terroristi. Dopo aver riconquistato, a gennaio, la zona est della città, la quale è divisa in due dal fiume Tigri, il 19 febbraio è stata lanciata una nuova operazione per riprendere il controllo della parte ovest di Mosul. Tuttavia, l’ISIS controlla ancora le città di Hawija e Tal Afar, insieme ad altre aree remote ai confini con la Siria e nell’ovest del paese.

Il primo ministro iracheno, Aider al-Habadi, intanto, chiede che venga dato il via ad un dialogo e ad una cooperazione per risolvere la disputa riguardo alla sovranità della regione autonoma del Kurdistan, nella provincia di Kirkuk. Durante una conferenza a Baghdad, ieri, il primo ministro ha affermato di sperare che le tensioni nella regione vengano risolte con “collaborazione e dialogo”. Dall’inizio di aprile, il consiglio provinciale di Kirkuk ha votato per indire un referendum sulla secessione della regione dall’Iraq, in modo da unirsi al Kurdistan. Tuttavia, Abadi ha affermato che le votazioni non potranno tenersi fino a che l’ISIS controllerà le aree della provincia di Kirkuk.

Tale città fa parte di un’area su cui il Kurdistan rivendica la propria sovranità; la sua popolazione è formata da arabi, curdi e turkmeni. Nonostante la regione curda abbia ottenuto un governo indipendente nel 2005, viene ancora considerata parte dell’Iraq. Baghdad ed Erbil stanno discutendo sulle aree che sono state sottratte all’ISIS dai peshmerga curdi. Mentre i politici curdi hanno spesso affermato che, anche dopo l’eliminazione dei terroristi, i soldati non si sarebbero ritirati, l’Iraq vorrebbe che le truppe abbandonassero le aree lasciandole all’autorità irachena.

Kirkuk, Iraq. Fonte: Wikimedia Commons

Kirkuk, Iraq. Fonte: Wikimedia Commons

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.