Al-Thani rifiuta il dialogo politico: soluzione militare è l’unica risposta alla crisi libica

Pubblicato il 10 aprile 2017 alle 6:41 in Africa Libia

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Il Primo Ministro del governo di Beida, Abdullah al-Thani, riconosciuto dalla Camera dei Rappresentanti di Tobruk, ha rifiutato il richiamo internazionale al dialogo politico con il governo rivale di Tripoli. Aggiungendo che “solo un’azione militare risolverà le divisioni del paese”.

Durante la diretta televisiva trasmessa da Haddath TV, giovedì 6 aprile, al-Thani ha esortato la popolazione a unirsi alla causa del Generale Khalifa Haftar e alla Libyan National Army (LNA), argomentando che solo loro offrono alla Libia la possibilità di sopravvivere contro le varie milizie armate, i fratelli musulmani e coloro che servono gli interessi internazionali.

Il primo ministro al-Thani ha dichiarato: “Io appartengo all’establishment militare e ne sono fiero”. Riferendosi alla sua carriera militare prima della rivoluzione libica del 2011. Inoltre ha aggiunto che è stato istituito un comitato di emergenza per risolvere i problemi delle forze armate tramite incontri regolari con il Generale Haftar.

Al-Thani sta collaborando con il sindaco Abdul Razzaq al-Nazhuri, il governatore militare dell’est del paese da Derna a Ben Jawad, per attuare riforme e sviluppi nei comuni dell’est del paese. A Bengasi sarà attuato un programma di ricostruzione supervisionato dalla Banca Centrale della Libia (CBL) e dal governatore Ali Habri.

Riguardo alle irregolarità finanziarie, Thinni ha assicurato di impegnarsi per far abbassare i prezzi dei negozi di alimentari, soprattutto in vista del Ramadan, e inoltre investigherà nei reparti governativi per combattere la corruzione.

Concludendo, al-Thani ha ringraziato il presidente della Camera dei rappresentanti Angeela Saleh per aver offerto sostegno al suo governo e ha dichiarato di riconoscere il parlamento di Tobruk come solo e unico organo riconosciuto in Libia.

La scorsa settimana la Camera dei Rappresentanti ha posto sei condizioni per riprendere i dialoghi con il governo di Tripoli riguardo alla stipula dell’Accordo Politico Libico (LPA) per riportare la pace nel paese. L’accordo prevedeva il riconoscimento del Governo di Accordo Nazionale (GNA) con a capo Fayez al-Serraj, riconosciuto dall’ONU e dalla comunità internazionale.

Abdullah al-Thinni, Primo Ministro del Governo di Baida, riconosciuto dalla Camera dei Rappresentanti di Tobruk. Fonte: rrnews.ru

Abdullah al-Thani, Primo Ministro del Governo di Beida, riconosciuto dalla Camera dei Rappresentanti di Tobruk. Fonte: rrnews.ru

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.