Iraq: l’ISIS sta obbligando i civili a partecipare alle operazioni terroristiche

Pubblicato il 3 aprile 2017 alle 14:44 in Iraq Medio Oriente

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Dal momento che l’ISIS sta perdendo sempre più terreno a Mosul, i miliziani stanno iniziando a minacciare i residenti dell’area, obbligandoli a partecipare alle azioni terroristiche.

Iraqi News ha reso noto che i jihadisti hanno ucciso l’imam di una moschea nell’area di Hawi al-Kanisah, nella zona ovest di Mosul, dopo che questo si era rifiutato di approvare una sentenza di morte contro alcune persone che non avevano voluto partecipare ad operazioni terroristiche volte a colpire forze di sicurezza irachene.

Ieri, il comandante dell’aeronautica irachena, il Tenente Generale Anwar Hama, ha riferito che sono stati compiuti diversi bombardamenti nella provincia di Anbar e nel distretto di Rutba per eliminare i jihadisti, ed ha aggiunto che “le forze irachene non esiteranno ad uccidere i miliziani dell’ISIS al di fuori dei confini dell’Iraq”. Hama ha aggiunto che l’esercito locale vuole mettere in sicurezza i confini del paese per aumentare la difesa dello Stato.

Intanto, lo US Departmentof Defense, ieri, ha riportato che la coalizione internazionale guidata dagli USA ha effettuato 7 bombardamenti contro alcune aree occupate dall’ISIS, vicino a Kirkuk. Nella zona di Mosul, invece, le forze della coalizione hanno compiuto 6 raid aerei contro 7 unità dei terroristi, distruggendo 3 dei loro sistemi di propulsione a razzo, 3 posizioni di combattimento, una mitragliatrice pesante, un sistema di artiglieria, una fabbrica di armi e una fabbrica di autobombe. Inoltre, 7 vie di approvvigionamento e cinque posizioni di combattimento dei terroristi sono state danneggiate.

Durante il fine settimana passato, Jared Kushner, consigliere e genero del presidente americano, Donald Trump, è andato in visita in Iraq. Il New York Times riporta che non sono ancora chiare le motivazioni del viaggio; un ufficiale dell’amministrazione ha riferito che Kushner è stato invitato dal Generale F. Dundord Jr., presidente del Joint Chief of Saff. Trump sta trasformando il proprio genero in un inviato per gli incontri con i leaders stranieri, creando una figura parallela a quella del segretario di Stato americano, Rex Tillerson. Kushner ha già avuto un ruolo nei colloqui con il Messico, le cui autorità si sono mostrate preoccupate per via delle affermazioni di Trump sulle politiche commerciali e sulla volontà di costruire un muro ai confini con gli USA. Inoltre, il presidente americano ha incaricato Kushner, il quale non ha alcuna esperienza diplomatica, di intervenire nel processo di pace tra la Palestina ed Israele. Questa settimana, in occasione dell’incontro tra Trump ed il leader cinese, Xi Jinping, presso Palm Beach, è previsto che Kushner giochi un ruolo di primo piano.

La visita del consigliere di Trump in Iraq si è verificata dopo che gli ufficiali militari americano sono venuti a conoscenza che, il 17 marzo, i bombardamenti delle forze USA hanno causato la morte di un alto numero di civili.

Dall’inizio delle operazioni, il 19 febbraio, per liberare la zona ovest di Mosul, l’esercito iracheno ha riferito di aver ripreso il controllo del 50% del territorio, riappropriandosi di 330 chilometri quadrati.

Autobomba esplosa nelle strade irachene. Fonte: Wikimedia Commons

Autobomba esplosa nelle strade irachene. Fonte: Wikimedia Commons

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.