Summit della Lega Araba appoggia al-Serraj

Pubblicato il 31 marzo 2017 alle 6:49 in Africa Libia

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Durante il 28esimo vertice della Lega Araba in Giordania, i sovrani dei 17 paesi membri hanno dichiarato il pieno supporto al Consiglio presidenziale guidato da Fajez al-Serraj e l’interruzione di qualsiasi collegamento con il governo di Tobruk rappresentato dalla Camera dei Rappresentanti guidata da Abdullah al-Thani.

Il sostegno al Consiglio presidenziale e al Governo di Accordo Nazionale (GNA) verrà incluso nei documenti ufficiali del summit di Giordania insieme alla dichiarazione di voler fare appello alle forze militari attive nel paese per creare un corpo armato unico.

L’emiro del Qatar ha dichiarato che non dovrà accadere, come in Egitto, che un nuovo dittatore governi la Libia e l’emiro del Kuwait ha richiesto al GNA di acquisire il pieno controllo della paese. Il Re Saudita Salman ha fatto appello alla rinuncia della violenza tra le forze armate in Libia e al rispetto dell’Accordo Politico Libico (LPA) che include il sostegno da parte del presidente egiziano Abdel-Fatteh al-Sisi al Governo di Accordo Nazionale (GNA) di al-Serraj.

Il discorso tenuto da al-Serraj si è aperto con i ringraziamenti per il supporto offerto dai governi di Algeria, Tunisia e Egitto per i tentativi di risoluzione della crisi libica, tuttavia il presidente ha criticato sia la Camera dei Rappresentanti che le Libyan National Army (LNA) di Khalifa Haftar che hanno rifiutato di riconoscere la legittimità del suo governo e per i presunti crimini di guerra che sono stati commessi durante le operazioni militari della Dignity Operation di Haftar a Benghazi.

Il presidente del Consiglio presidenziale ha esposto il suo impegno per la creazione di un esercito libico unificato, sotto un comando civile e per la costituzione di un’istituzione democratica che garantisca lo stato di diritto e la separazione dei poteri per prevenire il riformarsi di una dittatura in Libia. Inoltre ha dichiarato che coloro che credono in una soluzione militare per risolvere il problema libico, si sbagliano. Un combattimento armato sarebbe un completo fallimento dato che non ci sarebbero vincitori ma solo caduti. Inoltre al-Serraj ha esortato la comunità internazionale a non focalizzarsi solo sui temi dell’immigrazione e del terrorismo ma di considerare anche la sofferenza dei comuni civili in Libia.

Riguardo al tema centrale del 28esimo vertice della Lega Araba, ovvero il confitto israelo-palestinese, al-Serraj ha dichiarato il pieno appoggio alla causa palestinese e al diritto ad istituire uno stato indipendente con capitale a Gerusalemme. Inoltre la Libia ha appoggiato tutte le risoluzioni adottate dal summit riguardo Siria, Iraq e Yemen.

Bandiera della Lega Araba. Fonte: Flickr

Bandiera della Lega Araba. Fonte: Flickr

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.