La Spagna prospetta soluzioni condivise per Gibilterra dopo Brexit

Pubblicato il 28 marzo 2017 alle 15:10 in Europa

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Intervistato dal quotidiano ABC il Ministro degli Esteri di Madrid, Alfonso Dastis, prospetta un approccio morbido al negoziato sulla Brexit per Gibilterra.

La Spagna non teme che l’Unione Europea tratti la questione di Gibilterra come le altre che riguardano il Brexit – ha assicurato Alfonso Dastis a quotidiano madrileno ABC – è probabile che ci sarà una linea comune sugli accordi da prendere e su come questi riguardino le frontiere, ma il caso di Gibilterra è unico e tutti i paesi membri concordano.

La frontiera tra la Spagna e Gibilterra. Fonte: Wikimedia Commons

La frontiera tra la Spagna e Gibilterra. Fonte: Wikimedia Commons

Tutti gli stati membri – continua Dastis – convengono sul fatto che la situazione di Gibilterra debba essere risolta in maniera specifica tra Spagna e Regno Unito.

Il Ministro degli Esteri ha ricordato come nel corso dei negoziati che portarono all’adesione della Spagna all’allora Comunità Europea (1986), Madrid dovette sottoscrivere, oltre agli accordi generali, una serie di patti bilaterali con Londra proprio per la questione di Gibilterra. Di conseguenza questa volta sarà Londra, se vuole che Gibilterra rientri nei suoi futuri rapporti con la UE, a dover siglare patti bilaterali con la Spagna.

Dastis ha ricordato come la Spagna avesse “generosamente” offerto al Regno Unito la cosovranità sulla colonia, offerta respinta dalle autorità della Rocca prima che da Londra. Tuttavia, conclude il ministro, non essendo il Regno Unito nell’unione doganale, la situazione alla frontiera dovrebbe rimanere immutata.

Non abbiamo intenzione di chiudere la frontiera, perché arrecherebbe danno alla zona – ha concluso Dastis – e non abbiamo intenzione di affrontare il negoziato da posizioni dure, ma le adegueremo man mano che procedono le trattative. Unico punto su cui Dastis è inamovibile: le trattative riguardano il Regno Unito e non le autorità di Gibilterra e Madrid parlerà solo con Londra.

Traduzione dallo spagnolo a cura di Italo Cosentino

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.