Assassinati tre giornalisti messicani in meno di un mese

Pubblicato il 28 marzo 2017 alle 7:27 in America Latina Messico

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Tre giornalisti messicani sono stati assassinati a marzo. Miroslava Breach è stata uccisa lo scorso giovedì 23 marzo davanti alla sua abitazione nella città di Chihuahua, nel nord del Messico.

Breach è stata attaccata mentre si trovava a bordo della sua vettura. Il suo assassino si sarebbe avvicinato a bordo di un altro veicolo e avrebbe aperto il fuoco contro la giornalista, secondo quanto riportato dalla polizia locale.

La giornalista, di 54 anni, stava uscendo dalla sua abitazione intorno alle sette di mattina a bordo di una Renault Duster di colore rosso, secondo quanto riportato dai media locali, quando è stata immediatamente raggiunta da otto colpi d’arma da fuoco. Gli agenti della polizia locale hanno rinvenuto bossoli di una calibro 38. È deceduta mentre veniva trasportata al più vicino ospedale della zona.

La giornalista uccisa e il luogo dell'attacco. Fonte: eltiempo.com

La giornalista uccisa e il luogo dell’attacco. Fonte: eltiempo.com

Breach lavorava come inviata per i giornali ‘La Jornada’, per il quale lavorava da 15 anni, e ‘Norte’, quotidiano di Ciudad Juárez, al nord dello Stato. Era specializzata in temi di sicurezza e politica. “Miroslava era una giornalista esemplare, rigorosa nel suo lavoro professionale, integra, di grandi valori, una donna combattiva”, hanno pubblicato i suoi colleghi del quotidiano di Ciudad Juárez cinque ore dopo l’omicidio, esigendo che venga fatta luce sull’accaduto il più presto possibile.

“Invio le mie condoglianze alla sua famiglia e a coloro che stanno soffrendo in questo momento per la sua scomparsa, ma prima di ogni altra cosa esigo che venga fatta giustizia, che i codardi che hanno commesso tale gesto vengano individuati il prima possibile”, ha affermato il sindaco di Chihuahua, Armando Cabada. La Rete di Giornalisti del Nordest, così come altre organizzazioni nazionali e internazionali, tra cui l’ONU, hanno condannato l’omicidio della giornalista. “Chiediamo espressamente che le autorità tengano in considerazione, per poter risolvere l’indagine, il lavoro che ha realizzato Miroslava finora”, recita il documento redatto dai suoi colleghi.

L’omicidio è avvenuto soltanto quattro giorni dopo l’attacco a Ricardo Monlui, altro giornalista ucciso con la stessa dinamica nello stato di Veracruz lo scorso 19 marzo. Cecilio Pineda, un giornalista dello stato di Guerrero, è stato assassinato lo scorso 2 marzo.

Juan Vázquez, rappresentante dell’organizzazione internazionale per la promozione della libertà d’espressione ‘Artículo 19’, ha fatto sapere in un’intervista rilasciata all’agenzia di stampa Efe che sono già 30 i giornalisti assassinati finora nel corso del mandato del presidente Enrique Peña Nieto, iniziato a dicembre del 2012.

Traduzione dallo spagnolo e redazione a cura di Italo Cosentino

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.