Interpol e Consiglio d’Europa collaborano per neutralizzare la criminalità informatica

Pubblicato il 10 marzo 2017 alle 10:44 in Europa

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Sviluppo delle capacità e rafforzamento della cooperazione nelle indagini informatiche di tutto il mondo sono al centro di un’iniziativa congiunta tra l’Interpol e il Consiglio d’Europa.

La rapida crescita del numero e della complessità di alcuni reati informatici, nonché la raccolta di prove elettroniche presenta notevoli sfide per la polizia. Queste minacce richiedono una maggiore e più efficace cooperazione a tutti i livelli, sia all’interno della polizia che tra le forze di polizia e le autorità giudiziarie ma anche tra polizia e fornitori di servizi. Il progetto, chiamato Global Action on Cybercrime Extended (GLACY+), creato grazie ai finanziamenti dell’Unione Europea e del Consiglio d’Europa, aiuterà gli investigatori e i procuratori a individuare e ad affrontare le questioni relative ai ritardi nello scambio di informazioni, a far fronte ai diversi quadri legislativi e politici, e alla collaborazione con il settore privato.

La nuova formazione durata tre giorni, dal 27 febbraio al 1 marzo, è stata fornita da esperti dei settori pubblici e privati, tra cui l’Interpol, l’Ufficio federale di investigazione degli Stati Uniti (FBI), il dipartimento di giustizia statunitense, l’ufficio del pubblico ministero serbo e i relativi fornitori di servizi internazionali.

Il progetto GLACY+, sostituito a GLACY (2013-2016), avrà una durata di circa quattro anni fino a febbraio 2020, e vedrà l’Interpol concentrarsi sul rafforzamento delle competenze operative della polizia e delle attività conformi, al fine di costruire una più efficace cooperazione all’interno della sua struttura.

Invece, il Consiglio d’Europa si concentrerà sulla promozione, l’adozione e l’attuazione di politiche di criminalità informatica e di sicurezza informatica, che permettano alle autorità di giustizia penale di applicare la legislazione e perseguire i crimini nel rispetto del diritto internazionale dei diritti umani.

Mappa degli Stati membri di Interpol. Fonte: Wikimedia Commons

Mappa degli Stati membri dell’Interpol. Fonte: Wikimedia Commons

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.