PM turco: Consiglio Nazionale per la Sicurezza deciderà su estensione stato di emergenza

Pubblicato il 9 marzo 2017 alle 18:44 in Medio Oriente Turchia

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Il Primo ministro turco Binali Yıldırım ha riferito che il Consiglio Nazionale per la Sicurezza valuterà se estendere o meno lo stato di emergenza, proclamato in Turchia dopo il fallito colpo di stato del 15 luglio 2016. Yıldırım ha rilasciato tale dichiarazione in risposta ad un quesito posto nel corso di un incontro ufficiale tenutosi ad Ankara con i rappresentanti della stampa estera.

Bandiera della Turchia. Fonte: Wikimedia Commons

Bandiera della Turchia. Fonte: Wikimedia Commons

La Turchia ha proclamato lo stato di emergenza, della durata di tre mesi, il 20 luglio 2016, a cinque giorni dal tentativo di colpo di stato. Le autorità turche hanno già esteso per due volte lo stato di emergenza.

Il Consiglio Nazionale per la Sicurezza (in turco Milli Güvenlik Kurulu, MGK), fondato per decreto nel 1933, include il capo dell’esercito turco, membri scelti del Consiglio dei Ministri e il Presidente della Repubblica turca, che è anche il Comandante in capo dell’esercito.

Il MGK è stato istituito allo scopo di sviluppare la politica nazionale di sicurezza della Turchia, che trova piena espressione nel documento sulla politica per la sicurezza nazionale (Milli Güvenlik Siyaseti Belgesi), meglio noto come “Il Libro Rosso”. Quest’ultimo, considerato uno dei documenti più segreti della Turchia, viene aggiornato ogni decennio per una o due volte.

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.