Oltre 100 civili rapiti da ribelli Houthi in Yemen

Pubblicato il 8 marzo 2017 alle 7:03 in Medio Oriente Yemen

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Le milizie sciite dei ribelli Houthi e le forze alleate all’ex presidente yemenita Ali Abdullah Saleh hanno lanciato una serie di attacchi e incursioni a 100 chilometri a sud della capitale Sana’a. Un gruppo di miliziani Houthi ha rapito oltre cento civili residenti nel distretto di Utmah, nel governatorato di Dhamar. L’area si trova sotto il controllo degli Houthi dall’ottobre 2014.

I civili rapiti sono accusati dai combattenti Houthi di aver collaborato con le forze della resistenza popolare. I ribelli hanno fatto irruzione nelle case dei civili, alla ricerca di un arsenale di armi, che ritengono sia stato nascosto da un leader della resistenza che viveva in quell’area. Inoltre, si sono impossessati di automobili, motociclette e magazzini commerciali.

Ribelli Houthi in Yemen. Fonte: Reuters

Ribelli Houthi in Yemen. Fonte: Reuters

Il 22 gennaio 2015, gli Houthi hanno preso d’assalto il palazzo presidenziale, costringendo l’allora presidente yemenita Abdrabbuh Mansour Hadi e il suo governo a dimettersi. A seguito del colpo di stato, nel marzo 2015 una coalizione di paesi arabi guidati dall’Arabia Saudita ha lanciato una campagna aerea per distruggere le postazioni Houthi.

Nonostante i numerosi tentativi per il cessate il fuoco, il conflitto, tuttora in corso, è costato la vita a oltre 7.500 persone; almeno 40.000 persone sono rimaste ferite nel corso degli scontri.

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.