Una ONG pubblica il rapporto annuale contro le violazioni dei diritti dei bambini

Pubblicato il 7 marzo 2017 alle 7:07 in Medio Oriente Palestina

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Ezzedeen AL-Qassam Brigades riporta che un consorzio di gruppi per i diritti umani ha sollecitato il segretario generale delle Nazioni Unite, Antonio Guterres, ad aggiungere Israele e il suo esercito alla lista nera di entità e paesi che attuano violazioni gravi dei diritti dei bambini.

Watchlist on Children and Armed Conflict” è una rete globale di organizzazioni non governative che ha l’obiettivo di porre fine alle violazioni dei diritti dei bambini nei conflitti armati. L’organizzazione ha pubblicato il proprio rapporto annuale prima del rilascio da parte delle Nazioni Unite della relazione sui bambini e i conflitti armati. “Il nuovo segretario generale ha l’opportunità di inviare un messaggio chiaro a tutti gli stati membri, ovvero che sono state riscontrate gravi violazioni dei diritti dei bambini”, ha affermato nella relazione Dragica Mikavica, responsabile per le politiche e la sensibilizzazione per l’organizzazione. Watchlist aveva raccomandato di inserire nella lista nera l’esercito israeliano già dal 2005. Nel suo report si è concentrata sulle aggressioni militari israeliane a Gaza condotte nel 2014, sottolineando che “gli attacchi di Israele a Gaza non sono cessati”.

Nel suo rapporto annuale del 2006, relativo al periodo compreso tra il 1 Gennaio e il 31 Dicembre 2015, il segretario generale ha sottolineato che 27 bambini palestinesi (23 femmine e 4 maschi) sono stati uccisi in Cisgiordania; più del doppio rispetto al 2014. “È inoltre aumentato il numero di feriti tra i bambini palestinesi, soprattutto a causa degli scontri con le forze israeliane e delle operazioni militari”.

Ezzedeen Al-Qassam Brigades è il braccio armato di Hamas. Letteralmente, in arabo con “Ezz” si intende supporto, adesione, o orgoglio, mentre con “Deen” si intende religione.

Bambini palestinesi. Fonte: Wikimedia Commons

Bambini palestinesi. Fonte: Wikimedia Commons

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.