AIEA verifica non diversione del materiale nucleare iraniano

Pubblicato il 7 marzo 2017 alle 18:08 in Iran Medio Oriente

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Nel suo discorso introduttivo, pronunciato ieri dinanzi al Consiglio di Amministrazione dell’Agenzia internazionale per l’energia atomica (International Atomic Energy Agency – IAEA), il Direttore Generale Yukiya Amano ha affermato che il “watchdog nucleare” delle Nazioni Unite prosegue la sua missione di verifica della non diversione del materiale nucleare dichiarato dall’Iran nell’Accordo di salvaguardia.

Bandiera ufficiale dell'Iran. Fonte: ISIRI (18 giugno 2012)

Bandiera ufficiale dell’Iran. Fonte: ISIRI (18 giugno 2012)

Amano ha fatto sapere che sono ancora in corso le procedure atte a valutare l’assenza di materiale nucleare ovvero di attività non dichiarate dall’Iran.

Il capo dell’IAEA ha sottolineato che l’Agenzia è chiamata a verificare e a monitorare l’effettiva implementazione degli impegni assunti dall’Iran con la firma dell’accordo sul nucleare (Joint Comprehensive Plan of Action – JCPOA). Lo storico accordo è stato siglato a Vienna il 14 luglio 2015 tra Tehran, i P5+1 (i cinque membri permanenti del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite, più la Germania), e l’Unione europea (Ue).

Con l’entrata in vigore del JCPOA, l’Ue, il Consiglio di Sicurezza dell’ONU e gli Stati Uniti hanno sospeso le sanzioni sul nucleare precedentemente imposte all’Iran. In cambio, l’Iran ha acconsentito a limitare le proprie attività nucleari.

Amano ha spiegato che lo scorso gennaio l’Agenzia ha verificato l’avvenuta rimozione di centrifughe e di infrastrutture nucleari in eccesso. Dopo il trasferimento dall’impianto di arricchimento del combustibile nucleare di Fordow all’impianto di arricchimento del combustibile nucleare di Natanz, l’Agenzia ha iniziato a monitorarle e a tenerle sotto controllo.

Amano ha aggiunto che il suo rapporto, che contiene informazioni sulle scorte iraniane di uranio a basso arricchimento LEU (Low-Enriched Uranium), è stato pubblicato previo chiarimento da parte della Commissione Congiunta, costituitasi nel quadro del JCPOA.

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.