Una delegazione statunitense si è recata in Israele

Pubblicato il 6 marzo 2017 alle 16:39 in Israele Medio Oriente

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

La visita, durata due giorni e conclusosi domenica 5 marzo, è servita a esaminare la possibilità di trasferire l’ambasciata americana da Tel Aviv a Gerusalemme, una mossa che i funzionari palestinesi hanno fortemente sconsigliato.

La delegazione degli Stati Uniti in Israele era guidata da Ron DeSantis, membro del Congresso repubblicano. “Il comitato è a Gerusalemme per comprendere direttamente quali possano essere le ripercussioni derivanti dallo spostamento dell’ambasciata americana da Tel Aviv a Gerusalemme”, ha spiegato Ruth Lieberman, amico di DeSantis e consigliere politico in Israele, secondo il Jerusalem Post.

Il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, ha ripetutamente promesso durante la sua campagna elettorale di voler trasferire l’ambasciata e di spingere affinché Gerusalemme diventi la capitale ufficiale di Israele.

I palestinesi hanno criticato tali promesse, in quanto considerano  Gerusalemme est la capitale del loro futuro Stato. Il presidente palestinese, Mahmoud Abbas e l’ex ministro degli esteri palestinese, Nabil Shaath, e Hamas hanno già messo in guardia gli Stati Uniti contro questa mossa.

A febbraio Shaath aveva dichiarato ad Al Jazeera: “Spostare l’ambasciata è uguale a riconoscere Gerusalemme capitale di Israele. È un crimine di guerra“.

Attualmente, gli Stati Uniti hanno due consolati generali a Gerusalemme ovest. Uno si occupa principalmente di diplomazia con i palestinesi, mentre l’altro edificio rilascia i visti per le persone che vivono a Gerusalemme e i palestinesi che abitano in Cisgiordania e Gaza.

Tuttavia, le amministrazioni che hanno preceduto quella di Trump, ad esempio Bill Clinton e George Bush hanno fatto promesse simili in campagna elettorale ma si sono successivamente tirate indietro. Secondo alcuni media arabi, i funzionari palestinesi sono stati informati che ciò accadrà nuovamente.

Gerusalemme, in particolare la città vecchia, ha caratteristiche uniche rispetto ad altri territori contesi, perché sacra per i fedeli delle tre grandi religioni monoteiste. Per gli ebrei è il luogo dove fu eretto il Tempio di Gerusalemme, l’edificio più sacro della religione ebraica, nonché la capitale del Regno di Giuda e Israele dal 1000 a.C. circa, e del Regno di Giuda dal 933 a.C. al 597 a.C. Per i cristiani si tratta del luogo in cui Gesù ha vissuto e trascorso gli ultimi momenti della propria vita terrena, dove è stato sepolto ed è risorto. Infine, per i musulmani rappresenta il luogo in cui il profeta Maometto ascese da vivo al cielo.

Ron DeSantis, membro del congresso repubblicano.  Fonte: Flickr

Ron DeSantis, membro del congresso repubblicano. Fonte: Flickr

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.