Egitto: smantellata una cellula legata all’ISIS

Pubblicato il 5 marzo 2017 alle 9:37 in Africa Egitto

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

La National Security Agency di Suez, in collaborazione con la Criminal Investigation and Public Security Departments locale, ha smantellato una cellula terroristica legata all’ISIS in Egitto.

Egypt Independent spiega che i terroristi avevano intenzione di andare in Libia per addestrarsi, con l’obiettivo di tornare in patria per compiere attentati in Egitto. Dopo che i sospettati hanno confessato, la polizia egiziana ha presentato il caso davanti alla corte. Le indagini della National Security Agency hanno rivelato che la cellula era insediata a al-Ganayen, un’area rurale nei pressi di Suez, e che gli individui del gruppo erano in contatto con altri esponenti fondamentalisti in Siria e in Iraq. I sospettati sono stati trovati in possesso di libri e documenti contenenti materiale propagandistico dell’ISIS e di numeri di telefono di altri membri dell’organizzazione terroristica in Libia.

L’ISIS è particolarmente attivo in Egitto, dove, tra il 2012 e il 2014, ha effettuato più di 400 attentati nella Penisola del Sinai, in cui sono morti centinaia di soldati egiziani. Ufficiali di sicurezza hanno riferito che i militanti che operano in Libia stanno cercando di creare legami con i jihadisti del Sinai, un’alleanza che potrebbe prolungare l’instabilità dell’Egitto e allontanare turisti e investitori necessari a risollevare la danneggiata economia locale.

I militanti egiziani vicini allo Stato Islamico hanno preso di mira i cristiani copti, una minoranza locale che rappresenta il 10% dei 90 milioni di cittadini egiziani. Gli estremisti li accusano di aver supportato il rovesciamento militare del precedente presidente islamista, Mohammed Morsi, nel 2013. Lo scorso 11 dicembre, sono morte 25 persone in un attacco contro la cattedrale copta ortodossa “San Marco” al Cairo. Tra le vittime c’erano sia donne che bambini. Pochi giorni dopo l’ISIS ha rivendicato l’attentato, giurando di aumentare la lotta contro i “politeisti”.

Suez, città portuale egiziana. Fonte: Wikimedia Commons

Suez, città portuale egiziana. Fonte: Wikimedia Commons

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.